martedì 22 agosto 2017

Ribelle. The Brave

Ribelle. The Brave

28 dicembre 2012 by · Commenta 

Il 17 dicembre è finalmente uscito il dvd di uno degli ultimi successi di Walt Disney: Ribelle. The Brave (93 minuti, settembre 2012, regia di Brenda Chapman, Steve Purcell, Mark Andrews).
Merida, figlia di re Fergus e della regina Elinor, è una giovane principessa coraggiosa, audace, irriverente e insofferente alle tradizioni millenarie del suo regno. Come suo padre preferisce tirare con l’arco e cavalcare piuttosto che sedere a tavola composta o curare i suoi immensi capelli rossi. La sua volontà di rompere tutte le convenzioni la porta davanti a una strega… continua a leggere

Confiteor. Potere, banche e affari. La storia mai raccontata

Confiteor. Potere, banche e affari. La storia mai raccontata

18 dicembre 2012 by · Commenta 

«Il suo obiettivo, signor Geronzi, è chiaro. Ma solo alla fine il lettore vedrà se e quanto coinciderà con il mio, che resta quello di fare luce su trent’anni di potere, banche e affari incrociando la sua testimonianza di prima mano – una scelta, quella di parlare, di cui le va riconosciuto il merito – con tre decenni del mio lavoro di giornalista».

Massimo Mucchetti (vicedirettore del Corriere della Sera) intervista Cesare Geronzi (presidente della Fondazione Generali) e pubblica Confiteor. Potere, banche e affari. La storia mai raccontata (Feltrinelli) permettendo a tutti i cittadini interessati di gettare lo sguardo oltre le porte chiuse del potere!
Domande e risposte serrate e oneste svelano i retroscena più confidenziali sui personaggi, le congiure, i conflitti di trent’anni di storia economico-politica italiana. Da Banca Italia a Mediobanca, dalle Generali alla San Paolo, da Mediaset e Berlusconi ai… continua a leggere

Baumgartner. Nato per volare

Baumgartner. Nato per volare

18 dicembre 2012 by · Commenta 

«Dimentichiamo le stelle cadenti, il cielo è di chi si mette in gioco. Felix Baumgartner ci ha insegnato che i desideri non si realizzano se non te li vai a prendere, che solo con le nostre azioni possiamo superarli. Quattordici ottobre duemiladodici, miliardi di occhi scrutano i monitor per assistere in diretta alla messa in atto del sogno più insensato di un uomo, tale e quale a noi, che da cinque anni si prepara mentalmente per tuffarsi a corpo libero dai confini del cielo. […] L’impresa è riuscita, a Felix Baumgartner, dedicata a tutti noi, soprattutto nei momenti in cui la realtà vuole spegnere la follia delle nostre più vitali intenzioni».

In Baumgartner. Nato per volare (ADD Editore), Gianni Miraglia racconta l’ incredibile impresa di Felix Baumgartner che ha stupito tutto il mondo. Nessuno si era mai lanciato in caduta libera da quell’altezza (39060 metri) nessuno aveva toccato la velocità di 1227 km all’ora. A più di 40 anni dal primo uomo sulla luna in mondovisione abbiamo assistito all’evento che ha amplificato all’ennesima potenza la formula tecnologica dello show reality: il record di accessi sul web, più di 8 milioni di persone incollate a Youtube. Felix Baumgartner è il primo umano a superare il muro del suono e dello stupore… continua a leggere

Il pittore e la ragazza

Il pittore e la ragazza

17 dicembre 2012 by · Commenta 

«In città le esecuzioni erano piuttosto frequenti. c’era chi andava ad assistere: in genere almeno un centinaio di persone, molte di più se il caso stuzzicava l’immaginazione. Altri, invece, non ci andavano mai. Da bambino, a Leida, gli era capitato di assistere a un’impiccagione, ma a uno strangolamento mai. Era forse una pena riservata alle donne criminali? Morire sedute. Era considerato più decoroso?».

Elsje Christiaens,  protagonista del romanzo di Margriet De Moor, Il pittore e la ragazza (Neri Pozza), era una giovane e bella diciottenne danese. Dolce di carattere e del tutto ignara del corso del mondo, lascia le fredde terre danesi dello Jutland e si imbarca sulla Dorothe, un veliero diretto ad Amsterdam. Il 3 maggio 1664 la ragazza viene giustiziata in piazza Dam mediante strangolamento… continua a leggere

Antonio Ingroia. Io so

Antonio Ingroia. Io so

14 dicembre 2012 by · Commenta 

«Vorrei dire ai giovani che è fondamentale recuperare la memoria della storia italiana, al di là di questo ventennio. Vorrei dire loro che devono assolutamente provare a ricominciare dal patrimonio, andato in parte disperso in quel ’92, con lo stragismo… per costruire un futuro di legalità. L’Italia migliore è lì, in quel pezzo di storia che le stragi hanno tentato di cancellare. Da lì, da quel patrimonio etico e morale, bisogna ricominciare».

Chiarelettere pubblica un altro testo destinato a far parlare molto di sé: Antonio Ingroia. Io so di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza. Attraverso il racconto di Ingroia (magistrato che ha lavorato con Falcone e Borsellino) ripercorriamo il periodo delle stragi (1992-1993), la vicenda di tangentopoli, la nascita della Seconda Repubblica, l’attacco alla Costituzione e alla magistratura e il berlusconismo. Ma il vero protagonista del libro è… continua a leggere

Nove gradi di libertà

Nove gradi di libertà

14 dicembre 2012 by · Commenta 

«La nostra vita è controllata dal caso o dal destino? Be’ la risposta è relativa quanto lo è il tempo. Se sei dentro la tua vita, dal caso. Ma vista dall’esterno, come un libro che stai leggendo, è decisamente controllata dal destino. Le leggi possono aiutare a destreggiarsi nella giungla, ma nessuna legge elimina la realtà di trovarsi in una giungla. Non credo esista una legge superiore alle altre».

Il romanzo d’esordio di David Mitchell, Nove gradi di libertà (Sperling & Kupfer),  è organizzato in nove scenari, ognuno scritto con stile diverso, tutti legati da una trama comune che ha come protagonista una figura femminile, Mo Muntervary… continua a leggere

Il trono di spade Edizione Speciale

Il trono di spade Edizione Speciale

13 dicembre 2012 by · Commenta 

«C’era qualcosa di diverso, quella notte, qualcosa che gli mandava brividi gelidi lungo la schiena: le tenebre, la loro densità. Erano fuori da nove giorni, e avevano cavalcato prima verso nord, poi verso nord-est, poi di nuovo verso nord, seguendo da vicino le tracce di una banda di bruti e allontanandosi sempre più dalla Barriera. Ogni giorno era stato peggiore del precedente. E quel giorno era peggiore di tutti ».

Intrighi e rivalità, guerre e omicidi, amori e tradimenti, presagi e magie si intrecciano nel primo volume della saga di successo di George R. MartinIl trono di spade. Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco (Mondadori), ora in edizione speciale… continua a leggere

Testamenti

Testamenti

12 dicembre 2012 by · Commenta 

«Dimenticati da ogni testamento, tutti gli uomini ricevono la loro parte di eredità: la presenza volatile di chi non c’è più. La mia parte di eredità è la memoria: di Lucia Rodocanachi, Eugenio Montale, Mario Luzi, Giuseppe Pontiggia, Luciano Foà, Carlo Bo… Andandosene hanno lasciato, come veri e propri legati, una frase, un gesto. L’amicizia. La loro assenza. Ciò che è stato è per sempre. Ho liberato la mente. Perché fluisse. Sorprendendomi di ciò che il ricordo, nel suo vagare erratico, riesce a far riaffiorare. Per evocare il tempo perduto, e avanzare la mia parte di eredità, ho cercalo tra le carte, nel fondo dei cassetti. Ho rinvenuto lettere inedite, fino ad oggi serbate con discrezione. Scartafacci. Lacerti da libri. Appunti senza senso. Ho scoperto così che la mia parte di eredità di un mondo perduto altro non è che il piacere di una ritrovata conversazione. Salottiera e confidenziale. Con gli amici del secolo passato».

In questa sua nuova opera, Testamenti. Eredità di maîtresse, vampiri e adescatori (Mondadori Bruno), Giuseppe Marcenaro narra alcuni aspetti degli scrittori che ha incontrato, riproducendone la personalità e le storie attraverso i suoi ricordi, le sue letture, ma soprattutto utilizzando il prezioso archivio di documenti inediti… continua a leggere

Ebook di Irène Némirovsky a 6,99 euro

Ebook di Irène Némirovsky a 6,99 euro

11 dicembre 2012 by · Commenta 

In occasione del settantesimo anniversario della scomparsa di Irène Némirovky, Adelphi le rende omaggio pubblicado per la prima volta in digitale i suoi romanzi. Disponibili su Libreriauniversitaria.it a 6,99 euro! Ecco alcuni dei titoli:
Il signore delle anime
: «Appartengo a una razza levantina, oscura, c’è in me un miscuglio di sangue greco e italiano: sono uno di quelli che voi francesi chiamate metechi, immigrati» dice, a una donna in cui vede l’immagine stessa della purezza, Dario Asfar, giovane medico che negli anni successivi alla prima guerra mondiale conduce un’esistenza miserabile nel Sud della Francia. E con sorprendente chiaroveggenza conclude: «Io credo che esista una fatalità, una maledizione. Credo che il mio destino era di essere un mascalzone, un ciarlatano … Non si sfugge al proprio destino». Anche quando, molti anni dopo, non sarà più il «medicastro» che con il suo aspetto «miserabile e selvatico» e il suo accento straniero ispira solo diffidenza, anche quando sarà diventato ricco e famoso, e l’alta società parigina andrà umilmente a chiedergli di guarirla da quelle malattie dell’anima, da quelle «turbe psichiche», da quelle «fobie inspiegabili» che solo lui, il “Master of souls” (come viene definito da chi lo accusa di sfruttare la credulità del prossimo), è in grado di curare – anche allora il dottor Asfar si porterà dietro il marchio indelebile del suo destino, delle sue origini, del suo sangue. E quegli angiporti dell’Oriente da cui proviene, e che ha cercato di lasciarsi alle spalle, gli rimarranno per sempre negli occhi.… continua a leggere

Ci vorrebbe una Thatcher

Ci vorrebbe una Thatcher

11 dicembre 2012 by · Commenta 

«Nei mesi drammatici e cruciali del governo Monti si è suggerita spesso, e con intenti opposti, una qualche analogia tra l’odiata-amata Iron Lady e l’economista che ha provato a salvare l’Italia. In realtà, il raffronto tra l’isola di tre decenni fa e la penisola di oggi offre molti più spunti di paragone. E per questo mi è arso utile un confronto tra l’attività, e l’eredità, della neo titolata Baronessa di Kesteven e le misure varate per redimere l’Italia dagli abissi dello spread».

Il protagonista di Ci vorrebbe una Thatcher, il nuovo libro di Antonio Caprarica (giornalista Rai), è un Paese, il grande malato d’Europa. La sua industria è in crisi, il costo della vita continua a salire, il governo ha bisogno dell’aiuto del fondo monetario internazionale, il debito pubblico è incontenibile. Sembra l’Italia di oggi e, invece, è la Gran Bretagna di fine anni Settanta… continua a leggere

Pagina successiva »