venerdì 20 ottobre 2017

I clienti di Avrenos

I clienti di Avrenos

30 giugno 2014 by · Commenta 

«Spesso si guardavano di sottecchi, e a volte i loro sguardi si incrociavano. Allora non potevano evitare di sorridere. Era un po’ un gioco. Jonsac sorrideva della sicurezza di Nouchi come avrebbe sorriso nel vedere una bambina assumere un atteggiamento protettivo o un’aria di superiorità nei confronti degli adulti.
E Nouchi, dal canto suo, forse sorrideva della sicurezza con cui Jonsac recitava la parte dell’uomo serio e avveduto.»

L’ultimo romanzo di Georges Simenon pubblicato da Adelphi, I clienti di Avenros, descrive con straordinaria pregnanza un mondo che forse non esiste più, ma che emerge dalle pagine con una forza e una chiarezza che ricordano quelle di un film più che di un romanzo: l’ambiente, è quello della Istanbul di inizio secolo, con i suoi locali di lusso e il suo clima rarefatto e sospeso, intessuto di relazioni pericolose e di donne bellissime, di cocaina e alcool, di fumo e bellezza capace di far star male. In questo mondo ovattato e crudele, vivono Nouchi e Jonsac: lei è una giovanissima ragazza ungherese, nata a Vienna e finita a lavorare in un night-club della capitale turca, lui lavora all’ambasciata francese… continua a leggere

Caccia al tesoro

Caccia al tesoro

27 giugno 2014 by · Commenta 

«Quando ci chiediamo come sia possibile che, negli anni della peggiore crisi della storia, i ricchi del pianeta siano addirittura aumentati, così come i patrimoni di cui dispongono, la risposta è evidente: il merito è dei paradisi, perché è lì che si nascondono i soldi. E quando si afferma che una notevole percentuale di ricchezza si è spostata dal lavoro e dall’economia reale alla rendita finanziaria, sarebbe il caso di aggiungere che questo valore si è trasferito anche fisicamente e geograficamente: in qualche paese Offshore, appunto.»

La giornalista romana Nunzia Penelope continua con Caccia al tesoro (Ponte alle Grazie) la sua “Trilogia del denaro”, iniziata nel 2011 con il saggio Soldi rubati, inchiesta sul costo dell’illegalità per l’economia italiana, e proseguita l’anno successivo con Ricchi e poveri, spietata analisi delle disuguaglianze economiche nel nostro paese.
In questo ultimo capitolo del suo lavoro che “insegue” il denaro e la sua distribuzione, Nunzia Penelope allarga lo sguardo e va alla ricerca dell’inafferrabile tesoro che è oggetto del più incredibile “furto” della storia: uno straordinario bottino di trentamila miliardi di dollari… continua a leggere

Capra e calcoli. L’eterna lotta tra gli algoritmi e il caos

Capra e calcoli. L’eterna lotta tra gli algoritmi e il caos

26 giugno 2014 by · Commenta 

«Il problema principale, con i computer, è che molto spesso danno risposte, ovvero numeri, che vengono poi tradotti in significato. Ma per dare il significato corretto ai numeri che il simpatico agglomerato di circuiti ci sputa fuori, è necessario sapere esattamente cosa gli abbiamo chiesto di fare. Il che potrebbe non coincidere con quello che gli volevamo chiedere.»

Gli autori di Capra e calcoli (Laterza), sorprendente saggio che racconta la nascita e l’evoluzione del personal computer, sono un fisico – Dino Leporini – e un chimico – Marco Malvaldi – decisamente sui generis. I due autori, infatti, affiancano da sempre alla loro attività professionale l’interesse per la divulgazione della scienza e, nel caso di Malvaldi, questa “doppia vita” condotta dentro e fuori gli schemi tipici del lavoro scientifico ha portato a un vero e proprio “sdoppiamento di identità”: l’autore, infatti, di giorno lavora come chimico, e di notte scrive romanzi gialli di grande successo, pubblicati dall’editore Sellerio.
Questa volta, la prosa di Malvaldi e Leporini si propone di raccontare qualcosa che tutti crediamo di conoscere alla perfezione, ma che di fatto rivela inaspettate sorprese… continua a leggere

Una mutevole verità

Una mutevole verità

23 giugno 2014 by · Commenta 

«Erano ancora in macchina e stavano arrivando in caserma quando dalla sala operativa giunse la segnalazione. Confusa, come accade per le morti violente con sospetto di omicidio. Una donna delle pulizie aveva trovato il datore di lavoro morto, in un lago di sangue, nella cucina di casa. Sul posto si stava già portando una pattuglia del nucleo radiomobile.
Sarebbe stata una lunga giornata, pensò Fenoglio.»

Arriva domani in tutte le librerie italiane il nuovo, attesissimo romanzo di Gianrico Carofiglio, Una mutevole verità, pubblicato dall’editore Einaudi, che vede per protagonista un nuovo personaggio, il maresciallo Pietro Fenoglio, destinato ad avere tanto successo quanto ne hanno avuto tutti gli altri personaggi frutto del guizzo geniale e della profondità di sguardo che sono i tratti distintivi dello stile dello scrittore pugliese.
Il maresciallo Fenoglio, piemontese che lavora in Puglia, è un carabiniere che ama il suo lavoro e detesta la violenza, specie se insensata e gratuita: per lui le indagini non sono sfoggio di muscoli o dimostrazione di efficienza e di forza, ma sono viaggi che conducono gli inquirenti dentro una trama che può essere a volte evidente, altre volte complessa… continua a leggere

Un padre è un padre

Un padre è un padre

20 giugno 2014 by · Commenta 

«Mio padre telefonò la stessa mattina della sua partenza per Catania. Già tremavo al solo pensiero che l’incontro si stesse concretizzando. Nei giorni precedenti, parlando con lui al telefono, mi ero sentita più spavalda. Protetta dalla distanza, forse, tutto mi era sembrato più facile. Ma nel giro di qualche ora sarei stata in balia di sentimenti incontrollabili.
Non feci in tempo a riflettere su tutte le variabili, a decidere cosa indossare, e soprattutto a pensare che cosa dire per mostrarmi al meglio, che all’ora stabilita ero già in strada a cercarlo con lo sguardo: mio padre, l’eterno errabondo.
E lui, senza farsi attendere un minuto di più, mi fu davanti.»

Catena Fiorello ripercorre, nelle pagine di Un padre è un padre (Rizzoli) le tappe di una storia che unisce in modo magistrale tutta la dolcezza e tutta la durezza della vita, analizzando il mondo complesso e sempre sfuggente dei legami di sangue. La protagonista di questa storia – ambientata nell’estate del 1982 in una Catania che risplende, in queste pagine, come uno scenario di potenza e fascino irresistibile – si chiama Paola, e ha da poco perso la madre, una donna forte ed energica che ha cresciuto la figlia da sola, da sempre. Il padre di Paola, infatti, ha abbandonato sua madre subito dopo aver saputo che lei era incinta, scappando in America e rifiutando di prendersi le proprie responsabilità. Questo, almeno, è ciò che la madre ha raccontato a Paola per tutta la vita, ma la verità è un po’ più complessa di così… continua a leggere

Pan di stelle. Il mondo come io lo vedo

Pan di stelle. Il mondo come io lo vedo

19 giugno 2014 by · Commenta 

«Quello che ho vissuto è stato un secolo estremamente vivace, con cambiamenti più grandi di quelli avvenuti nei duemila anni precedenti. Ora guardo al futuro e sono ottimista. L’Italia ne ha viste tante e si è sempre tirata fuori. Certo, negli ultimi anni abbiamo conosciuto la finanza allegra, la mancanza di rispetto per le leggi e per lo Stato, ma io credo che ce la caveremo ancora una volta.
Ai giovani vorrei dare un consiglio: scegliere la professione che interessa di più. Quando dovete decidere cosa studiare, non pensate solo a cosa vi permette di trovare lavoro, ma a quello che vi piace davvero. Alle ragazze, in particolare, suggerisco di avere più fiducia in se stesse e pretendere che i loro diritti vengano rispettati. E, da ex sportiva, voglio dare un ultimo consiglio a tutti: affrontate la vita come si affronta una gara. Con la voglia di vincere.»

Per tanti di noi l’immagine che si affaccia alla mente quando si tenta di visualizzare il concetto astratto di “astrofisica” ha le sembianze rassicuranti, spiritose e dolci di Margherita Hack, grande scienziata e grande comunicatrice che per decenni ha raccontato ai profani il mondo delle stelle, mescolando il rigore della scienza con il fascino della sua personalità trascinante, coinvolgente, capace sempre di esprimere un punto di vista forte e originale sul mondo.
Per ricordare nel modo più efficace e intelligente questa grande figura di donna e di scienziata, l’editore Sperling & Kupfer ha deciso di pubblicare, a un anno di distanza dalla sua morte, Pan di stelle. Il mondo come io lo vedo, raccolta di interventi e interviste… continua a leggere

L’eccezione

L’eccezione

19 giugno 2014 by · Commenta 

Non voglio torturarmi pensando che mio marito sta dormendo in un altro appartamento a due isolati da qui, fra le braccia del suo amante. Così me ne sto completamente immobile, a occhi aperti, in un silenzio tetro, tentando di concentrarmi. Inspirare. Espirare. Porgo l’orecchio, mi sembra di sentire la gatta, ma non riesco a ricordare se la porta di casa è chiusa a chiave come dovrebbe. Sono trascorse sei ore, da quando mio marito ha stappato la bottiglia di champagne e mi ha annunciato di volermi lasciare per un altro, e il mio corpo sente ancora il contatto delle sue dita. Allungo il braccio nel buio e a tastoni cerco il cellulare. Torna a casa, digito sui tasti.
Lui è sveglio, mi risponde immediatamente. Non mi sentivo felice, perdonami

Nel suo ultimo romanzo, L’eccezione (Einaudi), la scrittrice islandese Auður Ava Ólafsdóttir riesce a condensare il meglio della sua prosa, ricreando con maestria e intelligenza il clima luminoso e magnetico che caratterizzava anche Rosa candida, il brillante testo d’esordio che l’ha resa famosa in tutta Europa.
Anche questa volta, la trama ideata dall’autrice islandese conduce i suoi lettori dentro la vita di un personaggio femminile dai tratti indimenticabili: si tratta di María, giovane moglie e madre felice di una coppia di gemelli, che una sera scopre, contro ogni aspettativa, di essere “l’eccezione”. Il suo premuroso e affettuoso marito, infatti, le rivela di essere innamorato di un collega… continua a leggere

Le scelte che non hai fatto

Le scelte che non hai fatto

18 giugno 2014 by · Commenta 

«Le cose che si lasciano indietro, case, fidanzati, lavori, figli, non scompaiono come avviene nei film o nei romanzi. Lì il protagonista sceglie di cambiare vita, si sposa o divorzia, emigra, decide di rinunciare alla carriera, ai soldi, a un’eredità, o al contrario diventa un ladro, un assassino. Ma comunque vadano le cose, quello che si è lasciato alle spalle resta, appunto, alle spalle. Assai poco importa a chi legge o guarda cosa se ne è fatto di quel passato, contano il presente e il futuro. Al massimo gli concediamo, o lui si concede, dei momenti di nostalgia, nostalgia per qualcosa che non è più.
Non avviene così nella vita reale. Qui quelle cose cui abbiamo scelto di non dare corso continuano a vivere accanto a noi. Camminano su strade parallele alla nostra, appena qualche metro più indietro. Su altre gambe.»

Il nuovo libro di Maria Perosino – già autrice del fortunatissimo, divertente e provocatorio “diario di viaggio” Io viaggio da sola – è un racconto sospeso tra realtà e invenzione, che si pone un obiettivo ambizioso e affascinante: nelle pagine di Le scelte che non hai fatto (Einaudi), infatti, l’autrice non vuole raccontare una storia vera, concreta, collocata nel campo delle cose reali, ma vuole piuttosto indagare il mondo lattiginoso e inconsistente del non-accaduto. Quali pieghe diverse avrebbe potuto prendere la nostra vita se, invece di fare una scelta, ne avessimo fatta un’altra? … continua a leggere

Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene… non è ancora la fine)

Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene… non è ancora la fine)

17 giugno 2014 by · Commenta 

«Rumore di chiavi nella serratura, deve essere mia madre.
“Carlita!”
Sì, è lei
“Come stai tesoro? Che fai davanti alla televisione? Perché non sei a letto? Hai mangiato qualcosa? Ti ho portato il brodo. Perché non mi hai detto che eri sola? E se ti viene un giramento di testa mentre sei sola? Metto il brodo in frigorifero o te lo riscaldo un po’ e lo prendi adesso?”
Sono bloccata, con la lavagna in mano, senza sapere a quale di tutte queste domande rispondere per prima.
“Stai bene?”
Credo che finalmente mia madre abbia deciso di prendere fiato per respirare. È la mia occasione.
BENE, MAMMA, HO UN PO’ DI NAUSEA»

Raquel Martos è una giovane giornalista e sceneggiatrice madrilena che, dopo aver lavorato per anni per la radio e la televisione spagnola, ha raccolto uno strepitoso successo in tutta Europa con il suo romanzo I baci non sono mai troppi, parabola commovente sull’amicizia e sulla sua capacità di superare il tempo e ogni distanza. Dopo quel fortunatissimo esordio, l’autrice spagnola torna oggi in libreria con Alla fine andrà tutto bene (e se non va bene… non è ancora la fine), romanzo pubblicato da Feltrinelli che racconta con delicatezza e tanta ironia la storia di Carla, una logorroica speaker radiofonica che a seguito di un intervento alle corde vocali si trova costretta a tacere per sei lunghe, infinite settimane… continua a leggere

Vendetta piccante

Vendetta piccante

16 giugno 2014 by · 1 Comment 

Tre anni.
Per quanto tempo aveva sperato che lui tornasse? Che andasse a cercarla, ammettesse di essersi innamorato e decidesse di restare per sempre?
Troppo tempo. Alla fine era cresciuta e si era rafforzata. Aveva capito che lui non sarebbe mai tornato e doveva costruirsi da sola le proprie fondamenta.
E adesso eccolo lì. Miranda raddrizzò le spalle. Non aveva importanza, naturalmente. Tra poco sarebbe uscita da quel ristorante e non lo avrebbe più rivisto. Era colpa solo della sorpresa se adesso il suo corpo sembrava fuori controllo.
Aprì la porta e guardò in corridoio.
«Hai un aspetto stupendo, Rossa.»
«Grazie. Anche tu non sei cambiato affatto.»

Jennifer Probst, scrittrice newyorkese che ha conquistato il pubblico italiano con i suoi romanzi erotici ad altissima intensità raccolti nella saga sexy romance Contratto di…, torna oggi in libreria con il suo nuovo best-seller Vendetta piccante (Corbaccio).
Gli ingredienti alla base di questa nuova storia, fanno subito pensare a un intreccio che farà battere il cuore e girare la testa: ci sono una donna abbandonata dall’uomo che amava, un uomo determinato a fare ogni cosa per riconquistarla e una scommessa a colpi di buona cucina… continua a leggere

Pagina successiva »