giovedì 09 aprile 2020

C’è un re pazzo in Danimarca

6 Febbraio 2015 by · Commenta 

9788861906549

 «Fra le grandi riforme messe in atto dal nuovo primo ministro Struensee, una di quelle che suscitarono maggiore stupore positivo nei democratici e, di contro, una forte indignazione da parte dei nobili e della grassa borghesia fu l’istituzione della famosa ruota detta “raccoglinfanti”. […]
Altra riforma straordinaria che mandò su tutte le furie i grandi possidenti fu l’idea di eliminare quasi totalmente la corvée. […]
Non parliamo poi della legge, che si rifaceva interamente alla filosofia dei Lumi, che dichiarava il diritto alla libertà di pensiero e di espressione, nonché di stampa, per ogni cittadino, maschio o  femmina che fosse. Un provvedimento che mandava in paranoia i nobili in blocco e che nessun governo in Europa aveva ancora proposto.»

Il grande Dario Fo torna in libreria con C’è un re pazzo in Danimarca (Chiarelettere), straordinario romanzo che racconta una storia incredibile e vera ambientata nella Danimarca del diciottesimo secolo: quella di re Cristiano VII, un sovrano la cui vita fu segnata dalla follia, dalla visionarietà e dal genio e che è ancora oggi una figura straordinariamente suggestiva, dotata di un fascino magnetico e tragico.
Fo ricostruisce con meticolosa cura storica, ma anche con lo sguardo visionario e smaliziato che gli è proprio, il destino di questo giovane “re pazzo”, che soffrì per tutta la vita di disturbi mentali ma che nonostante questo, grazie all’aiuto della sua giovane moglie Carolina Matilde d’Inghilterra e ai consigli dell’illuminato dottor Struensee, riuscì a imporre nel suo paese leggi davvero rivoluzionarie, capaci di modernizzare in pochissimi anni quello che era uno degli Stati più arretrati e conservatori d’Europa. La sua rivoluzione, però, andava a toccare gli interessi di alcuni dei poteri più forti e antichi della società danese, e il fragile re venne presto messo in condizione di non nuocere: un colpo di stato organizzato dalla sua matrigna si concluse con la condanna a morte del re e del suo primo ministro, e con l’allontanamento dalla corte di Carolina Matilde, a cui venne impedito di crescere i suoi figli, costretti a rimanere nel mondo autoritario, retrogrado e violento di una Danimarca sprofondata di nuovo nell’oscurantismo. Ma sarà proprio uno di questi figli, una volta cresciuto, a riprendere le fila delle riforme iniziate da Cristiano, e a far rinascere la speranza in un reale cambiamento…
In queste pagine Fo ricostruisce la meravigliosa e tragica storia del “re pazzo” di Danimarca (già protagonista alcuni anni fa del romanzo Il medico di corte, che per primo fece uscire dall’oblio questa pagina dimenticata della storia europea) dando la parola ai suoi protagonisti: sono proprio Cristiano e Carolina a raccontare la loro avventura disperata e commovente, ambientata in un mondo ancora impreparato ad accogliere la rivoluzione imposta da quel folle sovrano e dalla sua coraggiosa e idealista giovane moglie. Grazie alla maestria di Fo e alle sue eccezionali doti di affabulatore questi personaggi prendono vita sulla pagina con forza e vividezza straordinarie, e si rivelano capaci di conquistare chi legge gettando un po’ di luce su una delle storie più tragiche e affascinanti del secolo dei lumi europeo.

Acquista C’è un re pazzo in Danimarca con il 15% di sconto!

Commenti