giovedì 09 aprile 2020

Il Regno

6 Marzo 2015 by · Commenta 

9788845929540La scena si svolge a Corinto, in Grecia, verso il 50 dopo Cristo – anche se naturalmente, all’epoca, nessuno immagina di vivere «dopo Cristo». All’inizio si vede arrivare un predicatore itinerante che apre una modesta bottega di tessitore. Senza mai muoversi da dietro il suo telaio, quello che in seguito verrà chiamato san Paolo tesse la propria tela e a poco a poco la stende su tutta la città. Calvo, barbuto, sfiancato dai repentini attacchi di una misteriosa malattia, racconta a voce bassa e suadente la storia di un poeta crocifisso anni prima in Giudea. Dice che quel profeta è tornato dal mondo dei morti e che il suo ritorno è il segno premonitore di qualcosa  di straordinario: una trasformazione, allo stesso tempo radicale e invisibile, dell’umanità. Il contagio si diffonde. I seguaci della strana fede che si propaga attorno a Paolo nei bassifondi di Corinto arrivano ben presto a vedere se stessi come mutanti: mimetizzati tra amici e vicini di casa, impossibili da individuare.

Lo scrittore francese Emmanuel Carrère, dopo il grande successo del suo Limonov, sorprende i suoi lettori con Il Regno (Adelphi), nuovo libro mirabilmente sospeso tra il romanzo, il saggio e il racconto autobiografico.
Nelle pagine di questo testo straordinario, infatti, l’autore si propone di raccontare la storia dei cristiani del primo secolo, nel tentativo di far luce sul particolarissimo momento storico in cui una piccola setta ebraica nata in Giudea sulla scorta della predicazione di uno sconosciuto profeta e apparentemente destinata all’estinzione o allo sterminio, come accaduto a tanti movimenti simili prima e dopo di lei, ha saputo diffondersi e radicarsi in tutta Europa, dando vita al cristianesimo così come lo conosciamo oggi. In queste pagine Carrère si diverte a rileggere e a raccontare il periodo della nascita del cristianesimo, ripercorrendo le storie di tanti personaggi più o meno noti – da Seneca all’evangelista Luca, da Nerone a san Paolo – e dipingendo un quadro di quell’epoca che è straordinariamente preciso e fedele alla realtà dei fatti senza per questo rinunciare all’intensità vivida e concreta della narrazione romanzesca.
In queste pagine, Carrère accompagna i suoi lettori in un “viaggio erudito” pieno di ironia, intelligenza e imprevedibili sorprese, mostrando come anche la storia apparentemente più nota possa nascondere inaspettati punti problematici e intriganti. L’ottica attraverso cui l’autore guarda al cristianesimo non è quella del fedele devoto né quella dello storico delle religioni: Carrère è e rimane prima di tutto un grande romanziere, capace di raccontare vicende del passato mescolandole in maniera mirabile con la sua storia personale, con la vita del mondo di oggi e con la sua fantasia che rimane sempre aderente alla realtà delle cose, ma che le modifica impercettibilmente grazie alla forza di un’intelligenza brillante e di uno sguardo originale e pieno di humour.

Acquista Il Regno con il 15% di sconto!

Commenti