lunedì 23 ottobre 2017

I pescatori

15 febbraio 2016 by · Commenta 

I pescatori

Quando mi guardo indietro oggi, come mi ritrovo a fare più spesso ora che ho figli miei, capisco che fu durante una di quelle gite al fiume che le nostre vite e il nostro mondo cambiarono. Perché fu lì che il tempo cominciò a contare, su quel fiume dove diventammo pescatori.

Fin dalle prime pagine si intuisce come I pescatori (edito Bompiani), romanzo d’esordio di Chigozie Obioma, rappresenti un piccolo capolavoro, intenso e forte, capace di descrivere le profondità dell’animo umano.
Questo racconto, ambientato nella Nigeria degli anni Novanta, ha per protagonista una famiglia molto unita costretta ad affrontare una situazione tanto terribile quanto incredibile. Il padre viene trasferito per lavoro in una città molto lontana e la moglie si ritrova a dover crescere da sola sei figli, di cui il più piccolo ha meno di un anno e il più grande ne ha quasi quindici. La presenza autorevole e severa del padre imponeva ai ragazzi più grandi rigore e rispetto delle regole, che la madre da sola, occupata tra i due figli piccoli e il lavoro al mercato, non riesce più a ottenere.
Approfittando di questa nuova libertà, i ragazzi cominciano a passare le giornate a pescare al fiume, pericoloso e proibito per gli strani eventi che si verificano vicino alle sue acque e per i personaggi che vi si aggirano. La loro vita trascorre serena fino all’incontro che cambierà per sempre le loro vite: un uomo del paese considerato da molti un pazzo e da altri un profeta, annuncia loro che qualcosa di spaventoso sta per accadere, e sarà opera di un pescatore. Nessuno di loro dà reale peso alle sue parole, fino a quando l’atteggiamento del primogenito comincia a cambiare e misteriosi fatti si verificano attorno alla famiglia…
Un romanzo ben scritto, intrigante, che intreccia realtà e mito, spensieratezza e saggezza, sullo sfondo dei colori caldi e rassicuranti dell’Africa.
Acquista I pescatori con il 15% di sconto!

Share

Commenti