martedì 22 agosto 2017

Quasi niente

24 marzo 2017 by · Commenta 

La saggezza montanara arriva credo dal guardare sempre la vita dall’angolazione dell’essenzialità. I pensieri scartavano il superfluo, andavano alla sostanza con un automatismo che sapeva ponderare ogni cosa e poi tirava dritto sulla strada del concreto, apparentato sempre con il dovere e  con la necessità di una fraterna condivisione comunitaria.

Schietto, deciso e convinto, come ci ha ormai abituati a conoscerlo, è il Mauro Corona di “Quasi niente”(Chiarelettere). Questa volta insieme a lui a rievocare ricordi e tradizioni c’è anche il poeta Luigi Maieron. Il loro connubio era già stato testato, insieme al giornalista Toni Capuozzo, nello spettacolo “Tre uomini di parola”. In “Quasi niente”, Luigi e Mauro diventano gli autori di un dialogo ricco di spunti. Il progetto originale  è partito da una proposta dell’editor di Chiarelettere, Maurizio Donati. Maurizio ha fornito spunti e stimoli allo scrittore di Erto e al poeta friulano. Ne risulta una chiacchierata ampia, profonda, senza confini e senza riserve. Uno sguardo sincero sui ritmi e i valori del mondo di oggi e sulle tradizioni e le qualità di ieri . Ad accompagnare le riflessioni personali ci sono gli aneddoti e le esperienze di  Anna, Cecilia, il Tin, Menin, Orlandin. Loro, come tanti altri, sono i “filosofastri”: maestri di vita sprovvisti di fama e gloria, secondo il filosofo argentino Macedonio Fernández. Un memoir nostalgico e crudo, eppure indispensabile per capire dove stiamo andando come singoli e come società . “Quasi niente” è uno zibaldone di pensieri, riflessioni e fiabe da leggere pagina dopo pagina.

Acquista ora “Quasi niente” con il 15% di sconto!

Share

Commenti