lunedì 25 settembre 2017

Recensione libro: “L’ordine del tempo” di Carlo Rovelli

Recensione libro: “L’ordine del tempo” di Carlo Rovelli

30 maggio 2017 by · Commenta 

La capacità di comprendere prima di vedere è il cuore del pensiero scientifico. Nell’antichità Anassimandro ha capito che il cielo continua sotto i nostri piedi, prima che le navi facessero il giro della Terra. All’inizio dell’era moderna Copernico ha capito che la Terra gira, prima che gli astronauti la vedessero girare dalla luna. Così Einstein ha capito che il tempo non scorre uniforme, prima che gli orologi fossero abbastanza precisi per misurare la differenza. Nel corso di passi come questi, impariamo che cose che sembravano ovvie erano pregiudizi.

Sette brevi lezioni di fisica” aveva entusiasmato la critica e il pubblico, dimostrando come possa essere appassionante e accessibile il mondo della fisica. “L’ordine del tempo”, recentemente pubblicato con Adelphi, si interroga sul ruolo del tempo nelle ricerche scientifiche con il medesimo grado di semplicità e chiarezza del precedente saggio. Il pensiero di Newton, quello di Einstein e la teoria, formulata anche da Rovelli, della gravità quantistica a loop sono le basi scelte per osservare gli sviluppi della fisica sul tema. Se il tempo è stato strutturato in un cerchio dagli… continua a leggere

Recensione libro: “La rete di protezione” di Andrea Camilleri

Recensione libro: “La rete di protezione” di Andrea Camilleri

26 maggio 2017 by · Commenta 

Dopo averi tambasiato ufficio ufficio per un tri orate, il commissario addicidì che era vinuta l’ora d’andare a mangiari. La truppi, naturalmenti, aviva ‘nvaso macari la trattoria di Enzo , e la cosa che distrubbava Montalbano chiossà era il grannissimo burdello, frastuono, casino che svidisi e italiani arriniscivano a fari mentri che mangiavano. Cosa per lui ‘nsopportabili dato che il silenzio era il companatico sò.

Cold case e social si intrecciano magistralmente in “La rete di protezione” di Andrea Camilleri. L’assolato borgo di Vigàta è in fermento per l’arrivo di una truppe cinematografica svedese. La Sicilia degli anni ’50 è l’ambientazione pensata per la fiction da girare e proprio per questo si chiede a tutti i cittadini di contribuire al progetto recuperando le loro fotografie d’epoca. Mansarde, soffitte, cantine e album dei ricordi sono scandagliati con precisione mai vista prima e anche l’ingegnere Ernesto Sabatello decide di partecipare a questa caccia al tesoro. Quello che… continua a leggere

Recensione libro: “Se prima eravamo in due” di Fausto Brizzi

Recensione libro: “Se prima eravamo in due” di Fausto Brizzi

25 maggio 2017 by · Commenta 

Chi ci è già passato sa che la scelta del nome del figlio è l’argomento che mette maggiormente a rischio un matrimonio, più delle corna o del trasferimento in Nuova Zelanda di uno dei due coniugi. Non stiamo parlando di dove andare al mare d’estate o della composizioni dei tavoli del matrimonio, stiamo parlando di come chiamerai una persona per tutta la vita. E di come la chiamerà pure il resto del mondo, compresi quegli esseri spregevoli e impietosi noti come «compagni di scuola». Quindi dovevamo evitare nomi con doppi sensi, arcaici, storpiabili o semplicemente orrendi.

Quanto può cambiare la vita un neonato? Come può un bambino stravolgere i tempi e le esigenze di una coppia? Con la consueta ironia, Fausto Brizzi  apre virtualmente la porta di casa sua e ci mostra come una figlia rivoluzioni felicemente tutte le abitudini e le… continua a leggere

Recensione libro: “Ricordiamoci il futuro” di Oscar Farinetti

Recensione libro: “Ricordiamoci il futuro” di Oscar Farinetti

18 maggio 2017 by · Commenta 

I Romani imparano dai Greci l’arte di coltivare e frantoiare le olive, adottano l’anfora panatenaica, inventata ad Atene, per conservare quel prezioso liquido. Piantano ulivi in tutta la penisola, cominciando dalla Sabina, che diventa il polmone della produzione per Roma. Ma non dimentichiamo il resto del nostro Paese, quasi dovunque molto vocato alla coltivazione delle olive. Per esempio nel mio territorio, la Liguria, c’è un ambiente ideale per produrre olio di grande qualità. Plinio il Vecchio descrive minutamente l’olio sapido della Sabina a confronto di quello delicato taggiasco, proprio della mia terra (ah, quanto ne vado fiero!).

Ricordiamoci il futuro” sembra quasi un ossimoro, eppure questa è la strada tracciata nell’ultimo libro di Oscar Farinetti per proiettarsi verso un futuro sostenibile e ipotizzare un nuovo tipo di economia. Il fondatore di Eataly ha ripercorso la storia dell’agricoltura, della pesca, dell’alimentazione attraverso sette racconti e l’aiuto di… continua a leggere

Recensione libro: “Ragdoll” di Daniel Cole

Recensione libro: “Ragdoll” di Daniel Cole

16 maggio 2017 by · Commenta 

Tra i riflessi lampeggianti, notò la spia arancione della lavatrice e ricordò di averci messo gli abiti da lavoro prima di andare a letto. Guardò gli scatoloni accatastati lungo le pareti. Erano tutti identici. «Maledizione.»Cinque minuti dopo, Wolf si fece largo tra la folla di spettatori che si erano assiepati fuori dal palazzo. Si avvicinò a un poliziotto e mostrò tranquillamente il tesserino, aspettandosi di poter oltrepassare tranquillamente il cordone. Ma il giovane agente gli sfilò il documento dalle mani e lo esaminò con attenzione, osservando scettico quell’uomo imponente vestito con un costume da bagno e una maglietta sbiadita dei Bon Jovi, del Keep  the Faith Tour 1993. -Agente Layton- Fawkes, esatto?-

Daniel Cole esordisce con un thriller mozzafiato e imperdibile. William Fawkes, detto Wolf, e la sua collega Emily Bax sono i protagonisti di “Ragdoll” e i detective designati per risolvere un caso intricato e macabro: devono scoprire l’identità delle persone trucidate oltre a quella dell’assassino. Il killer, denominato Ragdoll, ha infatti utilizzato parti… continua a leggere

Recensione libro: “Prendiluna” di Stefano Benni

Recensione libro: “Prendiluna” di Stefano Benni

12 maggio 2017 by · Commenta 

La vecchia guardava la luna, e viceversa. Era seduta nella veranda, e le sembrò che l’astro puntasse un raggio splendente sul prato, come per illuminare un palcoscenico. Sentì un crepitio, simile a quello degli stecchi che bruciano nel fuoco. Poi un tic tac. Le ricordava qualcosa… Ecco. Il crepitare erano archi o zampette che si accordavano. Il ticchettio era il battere della bacchetta sullo spartito. Il direttore di orchestra avvertiva i musicisti che era ora di esibirsi. E infatti, un istante dopo, scoppiò un concerto di grilli entusiasti. Cantavano come se festeggiassero qualcosa. Forse un compleanno. E per un grillo un compleanno è una cosa importante, perché vive un solo anno.

Stefano Benni ci trascina in un mondo onirico e magico da cui non si vorrebbe più uscire con “Prendiluna”. Un gatto fantasma appare in una tarda nottata a Prendiluna, maestra in pensione, e le affida un compito particolare: i Diecimici devono essere consegnati ai dieci Giusti. Da questo momento non sarà più chiaro il confine tra sogno e realtà. Dolcino l’Eretico, Michele l’Arcangelo, Fiordaliso… continua a leggere

Recensione libro: “Il mio segreto” di Kathryn Hughes

Recensione libro: “Il mio segreto” di Kathryn Hughes

5 maggio 2017 by · Commenta 

Decise di prendere la strada panoramica per ritornare alla pensione; una passeggiata tonificante sul lungomare le avrebbe colorito le guance e l’aria carica di salsedine l’avrebbe aiutata a schiarirsi le idee. In realtà si rese conto che più che camminare procedeva saltellando, quasi fosse sospesa in aria, e arrivò a casa stordita e senza fiato. Continuava a ripetersi le parole del dottore: «Mrs Roberts, sono lieto di informarla che è incinta». Dopo tre anni di patemi, falsi allarmi e cocenti delusioni, sarebbero diventati una famiglia e lei non vedeva l’ora di dirlo a Thomas.

Il tempo per gli antichi greci non era lineare, ma un cerchio in cui presente e passato si incontrano. Sembra sia così anche per la protagonista di “Il mio segreto”. Beth scopre di essere stata adottata e questa notizia può divenire la soluzione per curare il proprio figlio malato e in attesa di trapianto. Lei e il marito non sono compatibili, forse lo possono essere i genitori biologici di Beth però. Un passato segreto e… continua a leggere

Recensione libro: “Dentro l’acqua”di Paula Hawkins

Recensione libro: “Dentro l’acqua”di Paula Hawkins

2 maggio 2017 by · Commenta 

Poi però mi hanno spiegato quello che era successo, quello che avevi fatto: eri entrata nell’acqua. A quel punto ero furiosa. Furiosa e spaventata. Ho pensato alle parole che ti avrei detto al mio arrivo: che di sicuro l’avevi fatto di proposito, per sfidarmi, per farmi arrabbiare, per infrangere la calma della mia vita. Il tuo scopo era quello di attirare la mia attenzione e costringermi a venire lì, dove tu volevi che fossi. Eccomi qua, Nel: hai vinto. Sono di nuovo nel posto in cui non avrei più voluto far ritorno.

Nel fiume di Beckford, a nord dell’Inghilterra, è rinvenuto il corpo di Nel Abbott. Inizia così, dopo due anni da “La ragazza del treno”, l’ultimo e attesissimo thriller di Paula Hawkins. Il corpo di Nel è ritrovato proprio dove diverse altre donne, “scomode” e difficili, si sono suicidate nel corso del tempo. Sua sorella, Julia, non è per nulla convinta del suo annegamento volontario però… continua a leggere