martedì 22 agosto 2017

Recensione libro: “Rondini d’inverno” di Maurizio De Giovanni

4 luglio 2017 by · Commenta 

Lo Splendor è un teatro che ha classe e nutre ambizioni e, se qualcuno esagera sotto l’effetto del vino o del liquore a prezzi modici, viene accompagnato con gentilezza alla porta dal cordiale capo-cameriere in mezzo tight e lasciato in strada, ubriaco, abbandonato al proprio destino, a ondeggiare e raffreddare gli spiriti bollenti al vento di fine dicembre, se il vento di fine dicembre fosse freddo. Ma stasera, che il Natale è già un ricordo e che i destini sono in bilico tra un anno mesto e le speranze di un anno migliore, stasera che il primo spettacolo è finito e il secondo volge al termine, è difficile concentrarsi.

Il Natale è appena passato e il Capodanno con i suoi festeggiamenti sta per arrivare in “Rondini d’inverno”, ultima fatica letteraria di Maurizio De Giovanni. In un giorno tra queste due festività, precisamente il 28 dicembre, succede l’impensabile. L’incredibile non risiede nel colpo di pistola sparato da Michelangelo Germi a Fedora Marri ma nella presenza di un proiettile vero in mezzo a quelli a salve. Non si contano più, infatti, le volte in cui il grande attore ha fatto fuoco contro la moglie per copione sul palcoscenico di un teatro. Quella sera a fare la letale differenza è stata la manomissione della pistola di scena. Il tragico caso appare a tutti di facile soluzione e si crede possa essere immediato il riconoscimento del colpevole. Il movente è da ricercarsi nella volontà della stella nascente Fedora, probabilmente infatuatasi di un altro, di lasciare l’agée Michelangelo e abbandonare in tale modo il famoso attore nel mezzo del proprio declino artistico. Germi risulta dunque l’indiziato numero uno. È solo il commissario Ricciardi a non essere per nulla convinto di questa ricostruzione. Pagina dopo pagina “Rondini d’inverno” trascina il lettore tra indizi, prove, colpi di scena immersi in una Napoli suggestiva e unica.

 

Acquista ora “Rondini d’inverno” con il 15% di sconto!

 

Share

Commenti