lunedì 17 dicembre 2018

Recensione libro: “Le 10 parole latine che raccontano il nostro mondo” di Nicola Gardini

29 maggio 2018 by · Commenta 

È fin troppo consolidata abitudine presentare lo studio del latino come studio delle radici. La metafora delle radici è potente, esprime qualcosa di essenziale: che il latino è origine. Ha, però, un paio di difetti gravi. Prima di tutto, implica che il latino sia cosa nascosta, sotterranea, da doversi disseppellire e ripulire da polvere e incrostazioni. Inoltre, non dice che il latino è anche fusto, rami, rametti, gemme e foglioline, e che il suo impulso vitale non si è mai fermato, anzi, continua. Il latino è foresta.

È uno dei scogli da superare per sperare in una promozione, se si frequenta il liceo. O lo ami o lo odi, e anche se lo ami, cinque anni di versioni di Cicerone talora portano ad odiarlo. Lo studio del latino, da sempre croce e delizia degli studenti, è fondamentale per conoscere appieno la nostra storia, ma anche per comprendere le lingue romanze che affondano le loro radici nella lingua che fu dei romani. Anche quelli di noi che nutrono per il latino un profondo risentimento, arriveranno a rivalutarlo attraverso l’opera di Nicola Gardini, “Le 10 parole latine che raccontano il nostro mondo”. Nel suo libro Gardini, professore di letteratura italiana e comparata presso l’Università di Oxford, analizza dieci parole latine fondamentali per il nostro tempo, vocaboli che hanno plasmato la storia modificando, nel corso dei secoli i loro significati e dando origine ad infinite sfaccettature semantiche. L’autore inizia dall’etimologia di ogni parola e procede, non sempre secondo un criterio diacronico, portando esempi dell’uso del vocabolo nelle opere di autori classici come Quintiliano e Virgilio, e delle sue derivazioni in scritti italiani ed europei. Condisce poi il tutto con aneddoti, curiosità e cenni storici che aiutano anche il lettore più inesperto ad appassionarsi ad una materia spesso confinata ai banchi di scuola. Nel complesso una lettura agile e scorrevole, non infarcita di quell’eccesso di nozionismo che talvolta allontana dallo studio di una lingua dall’incredibile capacità espressiva, che ha saputo dare voce tanto alle commedie di Plauto quanto alla sferzante satira di Giovenale.

Acquista ora “Le 10 parole latine che raccontano il nostro mondo” con il 15% di sconto!

Share

Commenti