domenica 24 giugno 2018

Recensione libro: “Lady Las Vegas. Le indagini di Neal Carey” di Don Winslow

30 maggio 2018 by · Commenta 

Far sparire Polly era stata una mossa brillante. Così non poteva aprire la bocca, e senza di lei il socio di minoranza aveva riempito il vuoto affamato dei media con storie di budget sfondati, spese pazze e contabilità sommaria. Finché la stampa, inevitabilmente, aveva coniato per la faccenda il nomignolo «Pollygate». E la magia dei media aveva toccato anche Polly. In sua assenza si era prodotta la delicata trasformazione da sgualdrina in sex symbol, condita di mistero.

 Jack Landis è un noto conduttore televisivo del Family Cable Network. Paladino della famiglia tradizionale, conduce con la sua devota moglie lo show più famoso del network, sul genere Good Morning America, amatissimo dal pubblico conservatore. La vita e la carriera di Landis subiscono un forte scossone quando sulla scena compare Polly Paget, una procace rossa con una pronuncia terribile e le gambe sempre in mostra, che sostiene che Landis l’abbia violentata. L’anchorman, turbato, si proclama del tutto innocente e il mondo sembra già essere pronto a credergli e a mettere sulla graticola mediatica la segretaria/arrampicatrice sociale, quando Polly scompare nel nulla.

 Riappare misteriosamente a casa di Neal Carey, il detective amatoriale già incontrato in opere precedenti di Don Winslow come “London underground” e “Nevada  connection”,  che torna ad agire nell’ombra in “Lady Las Vegas”. Neal ormai si è sistemato: convive con Karen, medita di finire questa benedetta università con la quale ha una “relazione complicata” ormai da sei anni e ha definitivamente abbandonato la losca organizzazione degli Amici di Famiglia. O almeno così crede. Perché quando Polly si materializza a casa sua, capisce che gli Amici di Famiglia gli stanno chiedendo per l’ennesima volta di occuparsi di un caso che potrebbe costargli la pelle.  L’organizzazione vuole che lui nasconda la ragazza da poliziotti, mafiosi e giornalisti e che le faccia riacquistare la credibilità necessaria a comparire in un’aula di tribunale come vittima di uno stupro. Ma la sfida più grande sarà per Neal quella di farla arrivare in tribunale viva. Il thriller intreccia verità e menzogna in un sapiente gioco che ci impedisce, fino alla fine, di prendere una delle due parti, perché anche se spesso è facile scagliarsi contro chi all’apparenza sembra colpevole, è altrettanto facile che una mela marcia violenta e criminale si celi dietro l’espressione angelica di un presentatore dalla conclamata rettitudine.

Acquista ora “Lady Las Vegas” con il 15% di sconto!

Share

Commenti