giovedì 18 ottobre 2018

Premio Bancarella 2018

2 agosto 2018 by · Commenta 

Otto colpi secchi, decisi. Un gesto perentorio che mai e poi mai si sarebbe potuto scambiare con il bussare misurato e cortese di un visitatore qualunque, di un operaio o di un fattorino. Più tardi Manuel avrebbe pensato che, in fondo, è proprio così che ti aspetti che bussi la polizia.

Il Premio Bancarella è un premio letterario che si tiene, ogni anno, il penultimo weekend di luglio. Nato nel 1953 a Mulazzo e  trasferito successivamente a Pontremoli, in Toscana, è costituito da una prima selezione che stabilisce i sei libri finalisti tra i quali, successivamente, viene scelto il vincitore, premiato nella serata finale. La vincitrice di quest’anno è Dolores Redondo con “Tutto questo ti darò” (DeA Planeta). Il romanzo racconta la storia di Manuel, celebre romanziere che si trova improvvisamente a dover affrontare la morte dell’amatissimo marito Alvaro. La dipartita del suo compagno porterà a galla una quantità smisurata di segreti gelosamente custoditi per molti anni dalla famiglia di lui, estremamente ricca, potente e invischiata in misteriosi affari.  Al secondo posto, con 80 voti, si è piazzato un romanzo storico, “I fantasmi dell’impero”(Sellerio) di Marco Cosentino, Domenico Dodaro e Luigi Panella.

Segue “L’assassino di Florence Nightingale Shore”(Neri Pozza) di Jessica Fellowes, con 75 voti, con 73  “Anna che sorride alla pioggia”(Sperling & Kupfer) di Guido Marangoni, la toccante storia di una famiglia  alle prese con la trisomia 21 della figlia più piccola. Al quinto posto troviamo “La regina del silenzio”(La Nave di Teseo) di Paolo Rumiz, con 70 voti, libro dedicato all’amico musicista triestino Alfredo Lacosegliaz, scomparso da poco. Ultimo tra i finalisti è Dario Correnti con il suo “Nostalgia del sangue”(Giunti), un romanzo che racconta di un’insolita coppia di detective, Marco, prossimo alla pensione e Ilaria, giovane e goffa stagista che ispira un’istantanea simpatia nel lettore, alle prese con le piste lasciate da un serial killer emulatore, che seminando una scia di sangue e male che solo i due “investigatori” possono fermare.

Share

Commenti