martedì 22 gennaio 2019

“I tacchini non ringraziano”: dodici brevi favole di Andrea Camilleri

27 dicembre 2018 by · Commenta 

Sia lode dunque alla dignità dei tacchini che muoiono ma non ringraziano. Mentre ci sono tanti capi di Stato che, invitati al tavolo del potente alleato americano come ospiti d’onore, fanno la stessa fine dei tacchini. E loro, oltretutto, ringraziano.

Salani Editore ha pubblicato da poco “I tacchini non ringraziano”, uno splendido libro di favole che Andrea Camilleri ha dedicato ai suoi due pronipoti.

Il creatore di Montalbano abbandona temporaneamente il giallo, per questo libro dalla copertina rosso acceso, una raccolta di brevi apologhi che hanno per protagonisti leprotti, cardellini, cani da buca, tacchini, volpi, gatti e maialini. Un libro pensato per i bambini di città, per i quali gli animali sono a volte creature quasi leggendarie. Ma non solo, perché questi brevi racconti, con illustrazioni di Paolo Canevari, hanno tutta la saggezza delle cose semplici e parlano per questo anche ai più grandi. Il bestiario di Camilleri si compone di creature intelligenti e dignitose, capaci di riprendere il posto che spetta loro sulla Terra, al di là della presunzione degli umani.

Non abbiamo mai, in famiglia, comprato un animale nei negozi che li vendono.
I cani, i gatti, gli uccelli che abbiamo avuto si sono sempre presentati spontaneamente a casa nostra e hanno quasi subito mostrato di volerci restare.
Tutti noi siamo sempre stati convinti che, se un animale desidera essere ospitato per qualche ora o per tutta la vita, è giusto esaudire quel suo desiderio.

I tacchini non ringraziano” di Andrea Camilleri è un libro delicato e dolcissimo, che ci aiuta a ricordare qual’è il nostro posto nel mondo: quello di animali fra gli animali.

Acquista ora “I tacchini non ringraziano” di Andrea Camilleri con il 15% di sconto!

Share

Commenti