mercoledì 19 giugno 2019

Un romanzo di formazione squisitamente malinconico: “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro

3 Aprile 2019 by · Commenta 

Lì, in quel giardino, sull’isola di Sant’Erasmo, c’era tutto quel che la fantasia poteva creare: le rotaie della ferrovia di Anna Karenina, il plotone di esecuzione davanti ad Aureliano Buendía, la cameretta di zia Léonie a Cambray, il clown di IT, la Neva sulle cui rive cercare Nasten’ka, un antico monastero dove avvenivano morti inspiegabili, un ponte sopra un fiume dove due amici di nome Jules e Jim si erano innamorati della stessa ragazza.
Lì, sotto quella mimosa, accadeva ogni amore, pena, sorpresa, desiderio che le pagine potevano contenere, sprigionare.

È in libreria da qualche settimana “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro, Feltrinelli. L’autore di “Tommaso sa le stelle” e “Guardami negli occhi” scrive un romanzo di formazione, dai toni delicati e leggermente malinconici, che coglie con acutezza le emozioni di quella fase della vita in cui ogni cosa è incerta e da scoprire.

Jacopo vive a Venezia, gioca a pallacanestro e ha due genitori che bisticciano ma senza mai lasciarsi (lui li chiama per dispetto Dolce&Gabbana). Frequenta il primo liceo. Tra tutti i professori della sua scuola ce n’è uno che gli pare diverso dagli altri: si chiama Corradini e insegna Lettere. Un giorno succede che muore la moglie di Corradini e tutta la 1A va al suo funerale. Finito l’anno, però, il professore abbandona la scuola e i ragazzi si dimenticano in fretta di lui: la nuova prof, la Bessi, è generosa di voti e anche di scollature. Jacopo, da parte sua, Corradini un po’ lo rimpiange. Lo ritroverà anni dopo, quando ormai è uno studente di economia alla Ca’ Foscari. Bevendo insieme un rapido caffè, l’ex professore lo inviterà a passare a trovarlo ogni tanto, a casa sua, sull’isola di Sant’Erasmo: è una zona tranquilla, gli dice, potrebbe approfittarne per lavorare alla sua tesi. Jacopo accetterà.

Crescere, mi disse, è perdere opportunità, scegliere una sola esistenza tra le infinite possibili. Lo conosceva bene, lui, lo strazio di dover decidere, di non sentirsi all’altezza di niente. Lo trovava naturale, qualche volta salutare; diffidava delle certezze. A risentirlo parlare, mi accorgevo che la sua voce mi stregava, mi ispirava fiducia.
“Ma tu, Jacopo, cosa vuoi dalla tua vita?”

“Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro è un romanzo lieve e intenso al tempo stesso, che racconta le imperfezioni della vita, con personaggi a tutto tondo, destinati a marchiare l’immaginario del lettore.

Acquista ora “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro con il 15% di sconto!

Commenti