lunedì 19 agosto 2019

“Ninfa dormiente”: un nuovo caso per il commissario Teresa Battaglia

5 Giugno 2019 by · Commenta 

Teresa Battaglia guardava davanti a sé come se ci fosse qualcuno, gli occhi assottigliati, foschi pensieri incarnati tra le sopracciglia. Quando rispose, lui capì che stava scrutando una vittima nella sua mente, viso a viso. Cuore a cuore.
«Singolare, non plurale, ispettore. Il mistero è sempre e soltanto uno.»

Dopo l’esordio in “Fiori sopra l’inferno”, il commissario Teresa Battaglia ritorna in “Ninfa dormiente”, il nuovo romanzo di Ilaria Tuti edito da Longanesi nella collana “La Gaja scienza”.
Teresa Battaglia, oltre ad essere commissario di polizia, è una profiler specializzata in cold case, quei casi che rimangono irrisolti dopo tanti anni e che giacciono dimenticati in qualche archivio polveroso. Ma Teresa sa che dietro a ogni caso irrisolto ci sono i parenti della vittima, persone che aspettano soltanto giustizia, e proprio per questo, nonostante sia prossima alla pensione, mette anima e corpo nei suoi casi.

Tutto inizia con il ritrovamento di un quadro che sembrava essere andato perso per sempre: La Ninfa dormiente, il ritratto di una giovane donna datato 20 aprile 1945, un dipinto che lascia tutti stupiti per la sua strabiliante bellezza.
Quando le viene detto di recarsi presso il gallerista che ha valutato l’autenticità del quadro, Teresa pensa che sia tutta una perdita di tempo, in quanto lei non è esperta di contraffazioni, ma di omicidi. La Ninfa dormiente nella sua bellezza nasconde però un inquietante segreto: il ritratto è stato dipinto con il sangue, anzi, con molto sangue, che le analisi confermano provenire dal tessuto cardiaco di un essere umano. Bisogna assolutamente indagare, e i primi sospetti ricadono sul pittore del quadro, Alessio Andrian, uomo ancora in vita ma caduto in una sorta di stato vegetativo dal 1945.
Le indagini porteranno Teresa e la sua squadra in Val Resia, dove non dovrà solo seguire le tracce di un oscuro disegno, ma anche lottare contro la sua stessa mente che, a causa di una terribile malattia degenerativa, si sta spegnendo un poco alla volta.

Guerriera… Una poliziotta, forse. Una donna di sessant’anni, malata, che cerca di fare l’eroina e invece non è nemmeno più capace di dare un nome alle cose.

Ilaria Tuti regala ai lettori un romanzo ambientato in una valle suggestiva e inquietante allo stesso tempo, ma soprattutto una protagonista insolita per il genere thriller come Teresa Battaglia, che difficilmente potrà essere dimenticata.

Acquista “Ninfa dormiente” con il 15% di sconto!

Commenti