lunedì 22 luglio 2019

“Le signore in nero”: quattro donne che lottano per la loro indipendenza nella Sydney degli anni ’50

14 Giugno 2019 by · Commenta 

Le signore in nero Madeleine St John

Le grandi porte d’ingresso di F.G. Goode’s, tutte mogano e vetro, si aprivano puntualmente alle nove e cinque di ogni mattina, dal lunedì al sabato, e per il resto della giornata, fino alle cinque e mezzo del pomeriggio (tranne il sabato, in cui si chiudeva a mezzogiorno e mezzo), le signore entravano piene di desideri e uscivano soddisfatte.

Oggi su paperback.it parliamo di “Le signore in nero” di Madeleine St John, romanzo da poco uscito in libreria per Garzanti. Madeleine St John è stata la prima scrittrice australiana ad essere candidata al Man Booker Prize e “Le signore in nero” è stato il suo esordio letterario, da cui è stato tratto anche un film di successo diretto da Beresford, il regista di “A spasso con Daisy”.

I magazzini F.G. Goode’s sono il paradiso dell’eleganza per le donne di Sydney negli anni ‘50, un luogo dove è possibile comprare vestiti all’ultima moda ed essere attentamente seguiti negli acquisti da commesse vestite rigorosamente in nero.
Madeleine St John racconta con arguzia e con un pizzico di ironia la vita di quattro commesse, quattro donne che vogliono vivere le loro passioni e i loro desideri, e soprattutto, non vogliono essere relegate nel ruolo della perfetta casalinga in cui la società vorrebbe costringerle.
Lesley sta per terminare il liceo e decide di lavorare come stagista ai magazzini Goode’s, dopo il diploma vorrebbe continuare a studiare, ma suo padre è assolutamente contrario all’idea. Patty si sente realizzata soltanto nel suo lavoro di commessa, perché quando torna a casa trova un marito che non la considera e la svilisce; anche per Fay lavorare come commessa è un’occasione di riscatto dalle tanti relazioni fallimentari, dagli uomini che la conquistano una sera e poi l’abbandonano. A sorvegliare su di loro e a spronarle a diventare donne forti e indipendenti c’è Magda, affascinante donna europea tanto ammirata quanto temuta.

Magda, snella, sensuale, ben vestita, seno fiorente, mani curate e acconciatura perfetta, era la più travolgente, profumata, scintillante, sgradevole e spaventosa serpentessa che Mrs Williams, Miss Baines e forse la stessa Miss Jacobs avessero mai visto e tantomeno immaginato.

In “Le signore in nero” Madeleine St John ritrae accuratamente un’epoca di grande cambiamento per le donne, ma soprattutto, con l’arguzia e la profondità psicologica di una moderna Jane Austen, descrive quattro splendidi personaggi, quattro donne forti che inseguono i loro sogni.

Acquista “Le signore in nero” con il 15% di sconto!

Commenti