sabato 19 ottobre 2019

Consigli per le vacanze: “I leoni di Sicilia” di Stefania Auci

9 Agosto 2019 by · Commenta 

I leoni di Sicilia - Stefania Auci

Per quanto potesse amarla e considerarsi suo figlio, Palermo lo trattava da estraneo. Lui aveva provato a farsi accettare, l’aveva corteggiata con la ricchezza, aveva dato lavoro, aveva portato benessere. Forse era questo che non gli perdonava: il lavoro. Il potere. Gli occhi aperti sul mondo quando invece Palermo i suoi occhi li teneva ben chiusi.

Continuano i nostri consigli per le vacanze: oggi parliamo di “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” di Stefania Auci, romanzo storico edito da Nord che ha avuto un grande successo (ben otto edizioni in soli 2 mesi!) e che sarà seguito da un secondo volume.

Bagnara Calabra, 16 ottobre 1799. Un terremoto colpisce il paese e per Paolo Florio quella violenta scossa diventa il pretesto per andarsene: ha già perso la madre per colpa del terremoto e non vuole che lo stesso crudele destino possa capitare alla moglie Giuseppina, al piccolo Vincenzo, alla nipote Vittoria o al fratello Ignazio; inoltre Bagnara gli sta troppo stretta, vuole un futuro migliore per lui e i suoi cari. Così decide, insieme al fratello, di andare a Palermo e aprire un’aromateria, una bottega di spezie, portando con sé tutta la famiglia.

L’aromateria dei fratelli Florio nel tempo cresce e diventa la migliore della città, i Florio però non hanno proprio intenzione di accontentarsi: avviano un commercio di zolfo, acquistano case e terreni dai nobili palermitani in decadenza e creano una loro compagnia di navigazione.
Ma è soltanto quando Vincenzo, il figlio di Paolo, prende in mano i commerci della famiglia che avviene il vero e proprio salto di qualità per i Florio: Vincenzo riesce infatti a far apprezzare il marsala, il vino dei poveri, all’interno dei salotti più esclusivi di Palermo, inoltre introduce a Favignana un metodo rivoluzionario per la conservazione del tonno: la conservazione sott’olio e in lattina. Non importa però quanto i Florio diventino ricchi e quanto lavoro portino alla città: per Palermo saranno sempre degli “stranieri”, dei volgari arricchiti.

«Potrai avere tutti i soldi di questo mondo, ma faranno sempre puzza di sudore. Facchino sei e facchino rimarrai. È il sangue che fa la differenza».

Ad accompagnare questi uomini, instancabili lavoratori dal grande talento commerciale, ci sono delle donne altrettanto tenaci e straordinarie: Giuseppina, moglie di Paolo e madre di Vincenzo, una donna che ha sacrificato tutto per la sua famiglia, anche l’amore, e Giulia, giovane milanese che ben presto diventa l’unico punto fermo nella vita di Vincenzo.

In “I leoni di Sicilia” romanzo storico e romanzo di formazione si mescolano, facendo intrecciare le vicende dei Florio con quelle della Storia italiana. Un lavoro straordinario quello di Stefania Auci che, grazie alle meticolose ricerche da lei condotte, è riuscita a ritrarre la Casa Florio in tutta la sua straordinaria vitalità.

Acquista “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” con il 15% di sconto!

Commenti