domenica 08 dicembre 2019

L’avvocato degli innocenti: un legal-thriller con un forte messaggio politico

27 Novembre 2019 by · Commenta 

Duke Russell non è colpevole dei crimini indicibili per cui è stato condannato; tuttavia tra un’ora e quarantaquattro minuti è prevista la sua esecuzione. Come accade sempre durante queste notti terribili, l’orologio sembra ticchettare più in fretta mano a mano che l’ora finale si avvicina. Mi è capitato di vivere due di questi conti alla rovescia, in altri stati. Uno si è concluso e il mio uomo ha proferito le sue ultime parole. L’altro è stato annullato per un miracolo in extremis.
Ticchetti quanto vuole: non accadrà, non stanotte. Forse un giorno chi governa l’Alabama riuscirà a servire a Duke l’ultimo pasto prima di infilargli un ago in vena, ma non stanotte.

John Grisham, autore di apprezzatissimi legal-thriller come “La resa dei conti”, “La grande truffa” e Il rapporto Pelican”, torna in libreria con un’altra intrigante avventura giudiziaria “L’avvocato degli innocenti”, edito da Mondadori.

Cullen Post è un avvocato che, dopo essere rimasto deluso, in gioventù, dal sistema giudiziario, si opera per dimostrare l’innocenza di detenuti condannati alle pene più aspre, difendendoli pro bono.
Il caso di cui si sta occupando riguarda Quincy Miller, un uomo di colore, arrestato, ventidue anni prima, dalla polizia di una piccola cittadina della Florida con l’accusa di aver ucciso il suo avvocato, crimine di cui si professa innocente.

Accettando questo caso Post si trova a riesumare dal passato testimonianze che mettono a nudo la corruzione, l’abuso di potere e le storture del sistema giudiziario, mettendo a rischio la propria vita, perché il cliente è stato incastrato da criminali senza scrupoli.

Il primo reperto è una busta di plastica trasparente che avvolge quella che sembrerebbe una camicia bianca inzuppata di sangue. Senza aprirla, Castle la mostra alle videocamere e legge l’etichetta: «Luogo del reato, Russo, 16 febbraio 1988».
La posa sul tavolo. Sembra che la camicia dentro la busta sia un po’ strappata. Dopo ventitré anni il sangue è quasi nero.

Dal maestro del legal-thriller una storia intricata e avvincente che si snoda con fluidità dalla prima all’ultima pagina e fa trapelare un messaggio politico forte.

Acquista “L’avvocato degli innocenti” con il 15% di sconto!

Commenti