sabato 31 ottobre 2020

Tre donne: esplorazione del desiderio femminile attraverso la vita di tre donne

17 Febbraio 2020 by · Commenta 

Quando mia madre era giovane, ogni mattina un uomo la seguiva mentre andava al lavoro e si masturbava alle sue spalle. Mia madre aveva la quinta elementare e qualche strofinaccio di lino come dote, ma era bellissima. È ancora la prima cosa che mi viene in mente per descriverla. Aveva i capelli dello stesso colore dei cioccolatini che trovi sulle Alpi tirolesi, e li portava sempre pettinati allo stesso modo: i corti ricci raccolti in cima alla testa. La pelle non era quella olivastra della sua famiglia, ma aveva una sfumatura particolare, leggermente rosata, come l’oro di poco prezzo. Gli occhi erano sarcastici, provocanti, castani.

“Tre donne”, pubblicato da Mondadori, è il libro d’esordio di Lisa Taddeo, saggista che scrive per testate come “Elle” e “Glamour” ed è stata premiata per ben due volte con il Pushcart Prize.

Il libro non si configura come un romanzo ma è il frutto delle ricerche dell’autrice che ha intervistato più di cento donne per raccogliere le loro testimonianze riguardo alle relazioni e ai desideri sessuali. Di queste ne sono state selezionate tre le cui esperienze sono raccontate nell’opera.
Maggie in giovane età ha subito le attenzioni del suo insegnante, quando trova finalmente il coraggio di denunciarlo, fiduciosa nella bontà sistema giudiziario e della legge, si scontra con il pregiudizio degli abitanti della piccola cittadina del North Dakota.
Lina è una casalinga dell’Indiana che in gioventù aveva subito una violenza sessuale e ora si trova intrappolata in un matrimonio con un uomo che la ignora e la trascura. Quando intraprende una relazione con una sua vecchia fiamma si sente, finalmente, desiderata e oggetto di attenzioni, ma ben presto si trova ad attendere impotente che l’uomo lasci la moglie per stare con lei.
Sloane è una donna bellissima e di successo, felicemente sposata con un uomo benestante. A entrambi, però, condividere la loro intimità con altre persone. Per anni si è chiesta dove finisca il desiderio del marito e dove inizi il suo, fino a quando non si troverà a dover fare i conti con le dinamiche che alimentano la loro coppia.

Certo, il desiderio femminile può essere forte quanto quello maschile, e quando il desiderio era propulsivo, quando tendeva a un fine che era in grado di controllare, il mio interesse scemava. Ma le storie in cui il desiderio era qualcosa di incontrollabile, quando era l’oggetto del desiderio a dettare la narrazione, era lì che trovavo l’apice della bellezza e della sofferenza. Era come pedalare all’indietro, lo sforzo straziante e vano e, infine, l’ingresso in un mondo assolutamente nuovo.

Acquista “Tre donne” con il 15% di sconto!

Commenti