lunedì 16 dicembre 2019

Questione di Costanza: un connubio tra giallo e amore

Questione di Costanza: un connubio tra giallo e amore

13 Dicembre 2019 by · Commenta 

L’aereo si immerge gradualmente in una densa coltre grigia e sembra immobile, sospeso nel nulla. L’atterraggio è brusco e improvviso e io sobbalzo sul sedile, le orecchie tappate, i capelli elettrizzati. Non vedo l’ora di scendere: io odio viaggiare in aereo. Se posso lo evito, ma stavolta non avevo alternative.
Flora si arrampica al mio braccio, poggiando la testolina sulla mia spalla. Compirà tre anni a marzo, cresce da sempre all’ottantesimo percentile, ha una passione per l’altalena, il latte e il turpiloquio, e morbidi e sgargianti capelli rossi, come me quando ero piccola, ma poi i miei sono cambiati e adesso, per ottenere lo stesso effetto, devo usare l’henné.

“Questione di Costanza”, edito da Longanesi, è il nuovo libro di Alessia Gazzola, già autrice di “Lena e la tempesta” e “Il ladro gentiluomo”.

Il libro racconta la vicenda di Alice, alter ego dell’autrice, laureata in medicina che emigra da Messina a Verona per un assegno di ricerca in Paleopatologia mentre sogna di andare a lavorare a Londra. Ad accompagnarla sono la sorella Antonietta e la figlia Flora, avuta in seguito a una relazione occasionale con un ragazzo di cui ha perso le tracce, una volta giunta nella città scaligera…continua a leggere

Nozze: il ritorno dei Bastardi di Pizzofalcone

Nozze: il ritorno dei Bastardi di Pizzofalcone

12 Dicembre 2019 by · Commenta 

Che poi, un matrimonio in febbraio.
Ma pensi che la gente sia scema?
Sì, l’ho sentita la storia che sei andata dicendo in giro, che banalità i matrimoni a maggio o a giugno, quando si sposano tutti, che palle. Che poi ti ritrovi dovunque con altre coppie, valigie firmate nuove di zecca e camicie a fiori, all’aeroporto alle sei di mattina. Io, hai detto, voglio andare al mare quando gli altri hanno i cappotti addosso. Dall’altra parte del mondo, in mano un drink con l’ombrellino, al sole, a pensare a voi che lavorate tremando dal freddo o sotto la pioggia.

Maurizio De Giovanni torna in libreria con “Nozze per i Bastardi di Pizzofalcone“, edito da Einaudi, che segna il ritorno alle indagini della più famosa unità della questura di Napoli, già protagonista di “I Bastardi di Pizzofalcone” e “Vuoto per i Bastardi di Pizzofalcone“.

Lojacono e i Bastardi si trovano a indagare sull’omicidio di una giovane ragazza, rinvenuta in una grotta vicino alla spiaggia, colpita al cuore con un coltello, privata della vita alla vigilia del giorno più importante, quello del suo matrimonio…continua a leggere

Il coltello: un thriller conturbante come il paesaggio del freddo nord

Il coltello: un thriller conturbante come il paesaggio del freddo nord

10 Dicembre 2019 by · Commenta 

Un vestito lacero ondeggiava dal ramo di un pino marcio. Rammentò al vecchio una canzone della sua giovinezza, che parlava di un vestito su un filo del bucato. Quello, però, non ondeggiava al vento del Sud come nella canzone, ma nella corrente freddissima dell’acqua di disgelo di un fiume. Laggiú, sul fondo , c’era un silenzio assoluto, e nonostante fossero le cinque del pomeriggio di un giorno di marzo, e secondo il meteo un cielo limpido sovrastasse la sua superficie, la luce del sole si riduceva a poco o niente una volta filtrata da uno strato di ghiaccio e quattro metri di acqua. Perciò il pino e il vestito erano immersi in una strana penombra verdastra. Era un vestito estivo, aveva concluso il vecchio, azzurro a pois bianchi.

“Il coltello”, edito da Einaudi, è l’ultimo libro di Jo Nesbø, maestro del thriller norvegese, autore di romanzi di grandissimo successo quali “Il leopardo” e “L’uomo di neve”.

Il romanzo segna il ritorno di Harry Hole, il controverso ex commissario di polizia, allontanato dal lavoro a causa della sua dipendenza dall’alcool ed i suoi metodi investigativi poco ortodossi. In questo romanzo Hole si trova a dover indagare su un omicidio che lo tocca negli affetti…continua a leggere

L’inganno perfetto: una vendetta dal passato

L’inganno perfetto: una vendetta dal passato

6 Dicembre 2019 by · Commenta 

È perfetto pensa Roy. Kismet, serendipità, caso o combinazione: chiamatelo come vi pare. Tutte quelle cose insieme. Non sa se crede nel destino, o in qualcosa che si discosti dall’immediato presente. E in fin dei conti, con lui la vita è stata piuttosto generosa.
Si alza e fa il giro dell’appartamento, controlla che le finestre siano ben chiuse e gli elettrodomestici spenti come si deve. Dà un colpetto sulla tasca del blazer appeso alla porta: a posto, il portafogli c’è. E le chiavi sono in bella vista sul tavolino all’ingresso.
Va detto, questa signora pare proprio caduta dal cielo, quanto meno stando alle informazioni che ha riletto sullo schermo. Era anche ora. Sa bene come gestire le variazioni marginali, quei momenti in cui la parola giusta o una frottola innocente trasformano piccole imperfezioni in attributi del tutto positivi. È la natura umana.

“L’inganno perfetto”, edito da Rizzoli, è il romanzo d’esordio di Nicholas Searle, da cui è tratto l’omonimo film in uscita nel 2019 con protagonisti i premi Oscar Helen Mirren e Ian McKellen e la regia di Bill Condon, vincitore, anch’egli del prestigioso premio cinematografico.

Il protagonista è Roy Courtnay, un truffatore ottuagenario deciso ad intraprendere un ultimo grande colpo. Si imbatte, così, attraverso un sito di incontri, in Betty, una vedova benestante, all’apparenza ingenua e frivola, che lo accoglie nella propria casa.
Tutto sembra procedere secondo i piani…continua a leggere

La casa delle voci: un thriller psicologico che affonda le radici nell’oscurità dei ricordi

La casa delle voci: un thriller psicologico che affonda le radici nell’oscurità dei ricordi

5 Dicembre 2019 by · Commenta 

Una carezza nel sonno.
Nel nebbioso confine con la veglia, un attimo prima di precipitare nell’abisso dell’oblio, il tocco leggero di dita gelide e sottili sulla fronte, accompagnato da un triste e dolcissimo sussurro.
Il suo nome.
Sentendosi chiamare, la bambina sbarrò gli occhi. Ed ebbe subito paura. Qualcuno era venuto a farle visita mentre si addormentava. Poteva essere uno dei vecchi abitanti della casa, a volte chiacchierava con loro o li sentiva muoversi come i topi rasentando i muri.
Ma gli spettri parlavano dentro, non fuori di lei.
Anche Ado – il povero Ado, il malinconico Ado – veniva a trovarla. Però, a differenza di tutti gli altri spiriti, Ado non parlava mai. Perciò a turbarla adesso era un pensiero più concreto.
A parte mamma e papà, nessuno conosceva il suo nome nel mondo dei viventi.
Era la «regola numero tre».

Donato Carrisi, maestro del thriller italiano, già autore di “Il suggeritore” e “Il maestro delle ombre”, torna in libreria con “La casa delle voci”, edito da Longanesi.

Il protagonista è Pietro Gerber, uno psicologo specializzato nell’ipnosi che lavora con bambini traumatizzati coinvolti in indagini della polizia. La sua vita cambia radicalmente quando accetta di occuparsi del caso di una donna adulta che afferma di aver ucciso…continua a leggere

La forza di essere migliori: la necessità di un ritorno alle radici

La forza di essere migliori: la necessità di un ritorno alle radici

2 Dicembre 2019 by · Commenta 

Guardatevi attorno: tutti vivono, solo alcuni esistono. Vivono, ma non esistono, perché in-sistono, perchè cioè si collocano dentro, dentro la catena, alimentare e di altro tipo, della vita. Alcuni, invece, e-sistono, hanno il coraggio di collocarsi fuori, di esistere nel senso radicale del termine indicato dalla filologia. E così vanno alla ricerca della forza di essere migliori.
In questo mondo tutti vogliono essere i migliori, ben pochi, invece, si curano di essere semplicemente e autenticamente migliori: cioè di lavorare su di sé, individuare i propri vizi, estirparli, far fiorire le virtù e cos’ non limitarsi a vivere ma iniziare a esistere.

Vito Mancuso, autore di “Il bisogno di pensare”, “Il coraggio di essere liberi” e “L’ anima e il suo destino”, torna in libreria con “La forza di essere migliori”, edito da Garzanti.

In questo saggio l’autore critica i modelli della società contemporanea, colpevole di mettere la pratica del consumo e il “culto” degli oggetti, al centro della vita di ogni giorno, a scapito della cultura e della…continua a leggere

Non fate i bravi: una preziosa testimonianza

Non fate i bravi: una preziosa testimonianza

2 Dicembre 2019 by · Commenta 

L’umiltà ti consente di conoscere i tuoi limiti e i tuoi pregi. È il vivere nel proprio piccolo, senza strafare. Ma non devi permettere a nessuno di umiliarti.
L’orgoglio trasforma una buona anima in un demone tentatore. L’umiltà discende dagli animali, puri dall’orgoglio e dalla mania di grandezza. È l’uomo che vuole passare alla storia, cercando così una sorta di immortalità.
Gli umili sono cortesi e superiori, nobili come le rose, che profumano di natura e non si sono sforzate per essere le regine del giardino. Non c’è vanto perché non hanno faticato per essere le protagoniste indiscusse dei prati.

“Non fate i bravi. La testimonianza che ci ha lasciato”, edito da Chiarelettere, è il primo libro pubblicato dopo la tragica scomparsa della famosa giornalista de “Le iene”, già autrice di “Fiorire d’inverno. La mia storia” e “Quando il gioco si fa duro. Dalle slot machine alle lotterie di Stato:come difendersi in un Paese travolto dall’azzardomania”.

Il libro consiste in una raccolta di pensieri elaborati durante gli ultimi mesi della sua vita. È stata proprio lei a volerne fortemente…continua a leggere

La rete degli invisibili: testimonianze sulla mafia 2.0

La rete degli invisibili: testimonianze sulla mafia 2.0

29 Novembre 2019 by · Commenta 


Non hanno le bozze occipitali né gli altri caratteri degenerativi della fisiognomica criminale cara a Cesare Lombroso. Coppola e lupara da tempo sono state appese al chiodo. Non esiste neppure un immaginario. Pochi sono i film che li hanno raccontati. Il «darwinismo» che ne segna continuamente l’evoluzione nel sordido mondo della delinquenza e degli affari illegali, più che alle caratteristiche fisiche, rimanda alla capacità di adattamento, simile alla pelliccia dei mammiferi che, nei mesi freddi, diventa più folta e lanosa. Come sono fatti gli ‘ndranghetisti? Come si atteggiano? Come si vestono? Come si riconoscono? Sono domande ricorrenti. Basterebbe sfogliare i rapporti investigativi degli ultimi vent’anni sia al Nord sia al Sud per capire che tutti gli individui arrestati con l’accusa di associazione mafiosa un po’ ci assomigliano, come era solito ripetere Giovanni Falcone.

Nicola Gratteri, Procuratore capo di Catanzaro, e Antonio Nicaso, tra i massimi esperti di ‘ndrangheta al mondo, dopo la fruttuosa collaborazione in “Storia segreta della ‘ndrangheta”, tornano in libreria con “La rete degli invisibili”, edito da Mondadori.

In questo libro i due autori analizzano l’evoluzione della criminalità organizzata calabrese, tra le più diffuse e pericolose a livello mondiale, tentando di…continua a leggere

Il colibrì: una storia di sopravvivenza

Il colibrì: una storia di sopravvivenza

29 Novembre 2019 by · Commenta 

Il quartiere Trieste di Roma è, si può ben dire, un centro di questa storia dai molti centri. È un quartiere che ha sempre oscillato tra l’eleganza e la decadenza, tra il lusso e la mediocrità, tra il privilegio e l’ordinarietà e per adesso tanto basti: inutile descriverlo oltre, perché una sua descrizione potrebbe risultare, noiosa all’inizio della storia, addirittura controproducente. Del resto la migliore descrizione che si può dare di qualunque posto è raccontare cosa vi succede, e qui sta per succedere qualcosa di importante.

“Il colibrì”, edito da La nave di Teseo, è il nuovo romanzo di Sandro Veronesi, precedentemente autore di “XY” e “Caos Calmo”.
Il protagonista è Marco, un oftalmologo che, da ragazzino, veniva chiamato “colibrì “ dalla madre, per via della sua corporatura e della sua altezza, di molto inferiori alla media, un divario che recupererà grazie ad una cura a base di ormoni. Marco si trova, da un giorno all’altro, ad affrontare una serie di disgrazie,…continua a leggere

Il grande romanzo dei vangeli: una nuova prospettiva dei personaggi della cristianità

Il grande romanzo dei vangeli: una nuova prospettiva dei personaggi della cristianità

29 Novembre 2019 by · Commenta 

Mettiamoci nella condizione di un viaggiatore che, venuto da un mondo lontano, cominciasse a sfogliare le pagine dei Vangeli totalmente ignaro della loro origine e di ogni possibile implicazione teologica; che cosa leggerebbe? In buona sostanza quattro versioni in parte (ma non del tutto) simili della tragica vicenda di un predicatore che, avendo sfidato il potere, viene processato e condannato a morte.

“Il grande romanzo dei vangeli”, edito da Einaudi, è il nuovo libro di Corrado Augias, già autore, tra gli altri numerosissimi libri, di “I segreti del Vaticano. Storie, luoghi, personaggi di un potere millenario” e “Disputa su Dio e dintorni”.

Il libro assume la struttura di un dialogo tra Augias e il Professor Giovanni Filoramo, nel quale i colloquianti offrono una nuova prospettiva di analisi e discussione sui vangeli e sui loro protagonisti, mettendo in secondo piano i significati simbolici e le implicazioni teologiche delle loro gesta, soffermandosi, invece, sull’aspetto letterario e sulle loro caratteristiche particolari…continua a leggere

Pagina successiva »