domenica 09 dicembre 2018

Vespa racconta la Rivoluzione giallo-verde

Vespa racconta la Rivoluzione giallo-verde

16 novembre 2018 by · Commenta 

I tre entrarono da un’uscita di sicurezza sul vicolo de’ Burrò: niente insegne, niente giornalisti. Presero posto nell’ultimo tavolo a destra, nella saletta deserta. Conte sedette spalle al muro, Salvini e Di Maio insieme di fronte. Unico testimone della conversazione, un dipinto di Giovanni Antoci sul Grande Giubileo del 2000. Salvini viene qui spesso, Di Maio vi aveva festeggiato con la famiglia la sua prima elezione alla Camera nel 2013, Conte non si era mai visto. Il cameriere Antonio Marcello servì antipasto di mozzarella, peperoni, polpettine, verdure grigliate. Poi un assaggio di tagliatelle ai funghi porcini. Infine una Chateaubriand. Con deplorevole scelta autoflagellante, il vertice del governo non bevve vino. Soltanto acqua minerale, liscia e gasata.

Rivoluzione. Uomini e retroscena della Terza Repubblica” è il nuovo libro di Bruno Vespa per Mondadori: un libro che racconta e spiega l’Italia del governo giallo-verde.

I libri di Bruno Vespa, in queste settimane novembrine dell’anno, sono oramai un appuntamento fisso. Nel suo lavoro di quest’anno, tenuto aggiornato fino a pochi giorni dalla pubblicazione, il titolare del salotto televisivo più seguito dagli italiani fa il punto sulla… continua a leggere

Si fa presto a dire famiglia

Si fa presto a dire famiglia

26 gennaio 2016 by · Commenta 

Di bambini contesi tra padre e madre il giudice minorile ne incontra e ascolta moltissimi. Mi si affollano alla mente tanti ricordi di ragazzi esposti per anni al conflitto tra i genitori, costretti ad assistere alla violenza che entrambi esprimono l’uno contro l’altro, incuranti degli occhi che li guardano e li giudicano. Bambini costretti a schierarsi, a barcamenarsi, sballottolati e trascinati di qua e di là tra la casa paterna e quella materna. Questi bambini impotenti e soccombenti, costretti ad assorbire violenza, utilizzati dall’uno e dall’altro genitore per scambiarsi informazioni e messaggi criptati, maldicenze e menzogne, inconsapevoli o incuranti di esporre i loro figli a un rischio psico-patologico altissimo, sono tutti bambini sofferenti che, divenuti preadolescenti, rischiano di diventare aggressivi e violenti verso quei genitori, interessati a riportare  la vittoria nel conflitto piuttosto che la vittoria nel percorso di crescita dei figli.

In questi giorni in cui il dibattito sulle unioni civili infiamma in tutta Italia,  esce l’ultimo libro di Melita Cavallo(Laterza editori), Presidente del tribunale per i minori di Roma nonché uno dei più importanti e noti giudici minorili italiani, che indaga e si interroga proprio sulla famiglia. Il lavoro si intitola Si fa presto a dire famiglia, edizioni Laterza, ed è una raccolta di storie e testimonianze di bambini incontrati nelle aule di tribunale per minorenni durante i suoi quarant’anni di esperienza…Continua a leggere

L’ età del caos

L’ età del caos

14 settembre 2015 by · Commenta 

C’è una sorta di seduzione del Caos. La sento crescere attorno a me. La sua attrazione fatale, malefica e demoniaca l’avvertiamo in un sottile slittamento del linguaggio. Prendete la parola «virus». La definizione originaria, che consulto su Wikipedia, è la seguente: «Piccoli agenti infettivi che si riproducono dentro le cellule viventi di altri organismi». L’inizio del loro studio viene fatto risalire a un biologo russo, Dmitrij Ivanovskij, nel 1892. Negli anni Novanta, per analogia, cominciamo a parlare dei virus informatici, capaci di infettare i nostri computer. Sempre in senso negativo.
Con il terzo millennio, invece, c’è una rottura lessicale: «virale» è diventato un complimento, un connotato esaltante, un segno di successo. Se un video su YouTube attira un pubblico immenso, definiamo «virale» la sua diffusione. Se una start-up lancia una app per cellulari che conquista gli utenti, tipo Instagram o WhatsApp, eccola promossa al rango di fenomeno «virale».

Età del Caos. È così che viene definita la nostra epoca dal noto giornalista Federico Rampini nel suo testo L’Età del caos. Viaggio nel grande disordine mondiale, edito Mondadori. Visto dagli Stati Uniti, dove Rampini lavora come corrispondente della Repubblica, il mondo sembra attraversare una graduale e progressiva trasformazione degli assetti politici e sociali…Continua a leggere

La magia di un Buongiorno

La magia di un Buongiorno

23 aprile 2014 by · Commenta 

«Chiedo scusa per la futilità dell’argomento, ma i traffici sentimentali del presidente Hollande (pronuncia: Olaond, con bocca storpiata in una smorfia parigina di fastidio) suscitano in noi, maschi banali e insensibili alle grandi questioni geopolitiche, una vibrante e insopprimibile domanda: come fa?»

La citazione riportata qui sopra è l’incipit di uno dei  Buongiorno comparsi su La Stampa firmati dal giornalista-scrittore Massimo Gramellini. Per 15 anni Gramellini è riuscito a costruire dei brevi articoletti ironici, sarcastici, ispirati e, a volte, indignati sugli argomenti più disparati: dal clima politico italiano alla cronaca rosa, dalla crisi finanziaria agli elogi di grandi artisti.
La casa editrice Longanesi ha, così, deciso di rendere omaggio a questi ritratti della nostra società e pubblica La magia di un Buongiorno (disponibile in tutte le librerie a partire dal 24 aprile)… continua a leggere

I buoni

I buoni

28 marzo 2014 by · Commenta 

«Aza nelle fogne è arrivata da bambina, in fuga da un villaggio del Nord, uscita di casa perché mamma ha un altro uomo e lei che ci sta fare? Se piangeva, mamma la cacciava in strada, nuda, e non era il freddo ma la vergogna. Ha abortito, più di una volta. Nella fogna una specie di anagrafe a memoria: quando entri, tutti sanno già se lì sotto hai fratelli o sorelle. Se hai fratelli maggiori sei salvo, se no la legge è lo stupro».

I buoni sono quelli che lottano per salvare il mondo, sono quelli che attraverso una serie di progetti cercano di onorare il loro dio: la legalità; ed è a loro che Luca Rastello dedica il suo ultimo romanzo edito per Chiarelettere: I buoni. A capo dei buoni c’è don Silvano, un uomo che predica sulla strada e nel palazzo; tra gli ultimi, tra i politici e le rockstar; tra i galeotti e i magistrati; don Silvano spera e sogna un mondo migliore dove anche i meno fortunati possano avere una possibilità di migliorare la loro esistenza. Tra questi, don Silvano incontra Aza, una ragazzina scappata da un passato di violenza, traumi e dolore. Aza è in cerca di una nuova casa… continua a leggere

Americani

Americani

11 marzo 2014 by · Commenta 

«Procedevo verso est lungo il golfo, all’altezza di Slidell cominciavi a raccogliere i segnali che qualcosa di infernale era passato di là. Pini maturi interi erano stati gambizzati, come per un’onda d’urto. E gli enormi pali neri di metalli che sostengono i cartelloni pubblicitari sull’autostrada, molti erano piegati in due, con la parte superiore penzolante sui cardini arrugginiti. La cosa più strana erano gli animali morti».

Americanidi John Jeremiah Sullivan (considerato tra i più raffinati giornalisti americani) edito in Italia da Sellerio, è uno straordinario ritratto degli Stati Uniti d’America, una nazione che, dopo l’attacco dell’11 settembre, dopo la crisi economico-finanziaria, è tornata a essere enigmatica e perennemente in rivolta contro quel destino felice e utopico promesso dall’American Dream.
Americani è una raccolta di dodici reportage diversi ed eterogenei pubblicati su riviste a loro volta molto diverse tra loro che però in questa nuova raccolta trovano un fil rouge comune. Dal racconto… continua a leggere

Un giorno da pecora

Un giorno da pecora

5 novembre 2013 by · Commenta 

«Un anno impossibile. La ragione si è presa un anno sabbatico.
Abbiamo scoperto, in quest’anno sabbatico della ragione, che destra e sinistra possono governare insieme anche dopo anni di insulti. E, visto che la ragione è momentaneamente assente – si prega di richiamare più tardi – dobbiamo prendere atto che LUI non muore mai.
Poi il paradosso. Sinistra e destra vengono costrette ad andare a braccetto. I toni si attenuano. Si parla di governo di pacificazione. LUI assume l’atteggiamento e lo sguardo del “tana libera tutti”. Molti “comunisti” parlano del suo inalienabile diritto a difendersi. E proprio in quel momento, quando i suoi aguzzini diventano i suoi protettori, viene condannato. L’anno sabbatico della ragione raggiunge il punto più alto.»

Claudio Sabelli Fioretti (l’Anziano) e Giorgio Lauro (il Simpatico) sono le due voci che da anni animano il talk show radiofonico Un giorno da pecora, che oggi diventa libro grazie alla casa editrice Chiarelettere.
Attraverso le pagine di questo libro che è saggio, romanzo politico, raccolta di interventi satirici che non perdonano niente a nessun esponente della società e della politica del paese, gli autori ripercorrono l’ultimo anno di vita italiana mettendo il dito in molte piaghe aperte, con il piglio graffiante e irriverente che è proprio della loro trasmissione e che qui si riversa nella pagine… continua a leggere

Processo alla finanza

Processo alla finanza

17 giugno 2013 by · Commenta 

«La finanza è fatta di incroci la cui complessità e pericolosità oltrepassano di molte volte quelle di un grande snodo stradale di Los Angeles o di Nuova Delhi. Occorrono codici, regolamenti, semafori e vigili urbani in quantità».

Un vero e proprio processo comprensivo di identificazione dell’imputato, capi d’accusa e riflessione prima del verdetto finale. È ciò che imbastisce Salvatore Rossi in Processo alla finanza (Laterza). La protagonista numero uno della crisi globale che ci ha colpiti negli ultimi anni, che è stata al centro delle proteste, delle indignazioni… continua a leggere

Un salto nel voto

Un salto nel voto

17 giugno 2013 by · Commenta 

«Così, il voto ha moltiplicato le divisioni che attraversano il Paese, invece di ridurle. E le ha tradotte e trasferite in un parlamento di free rider. Attraversato da fratture profonde. Per questo, fin troppo simile al Paese e alla società».

Un salto nel voto: un gioco di parole decisamente azzeccato per rappresentare quella sensazione di precarietà e instabilità descritta da Ilvo Diamanti nella nuova uscita Laterza. Le elezioni del 2013, dopo anni di stabilità, hanno introdotto il Paese in una fase politica di frammentazione e discontinuità che riflette perfettamente lo stato attuale della società: in Parlamento coesistono tre minoranze che non comunicano e non costruiscono un futuro duraturo e produttivo per l’Italia… continua a leggere

L’uomo che sussurra ai potenti. Trent’anni di potere in Italia tra miserie, splendori e trame mai confessate

L’uomo che sussurra ai potenti. Trent’anni di potere in Italia tra miserie, splendori e trame mai confessate

13 giugno 2013 by · Commenta 

«Senta, Bisignani. Sono passati tanti anni, ma il marchio della P2 ce l’ha sempre impresso.
Io ho frequentato Gelli perché per me era un’inesauribile fonte di contatti e notizie. Forse sono gli stessi motivi per cui lei ha frequentato me».

Chi è Luigi Bisignani? È stato collaboratore di Panoramal’EspressoTempo illustrato e capo ufficio stampa per diversi ministeri della Prima repubblica. Ora è partner di una società di consulenza. E l’uomo più potente d’Italia. È stato coinvolto nelle più grandi inchieste giudiziarie degli ultimi anni ed è riconosciuto come vertice di una rete che controlla le sorti del Paese. In ogni operazione il suo nome è presente, da quelle politiche a quelle militari, e perfino al Vaticano è ben conosciuto. È lui L’uomo che sussurra ai potenti (Chiarelettere), che, attraverso le domande e la penna di Paolo Madron, direttore del quotidiano on line lettera43.it, si confessa… continua a leggere.

Next Page »