martedì 19 febbraio 2019

Rondine De Luca, insegnaci a dormire! Magici consigli della Fata della Nanna per le mamme e i loro bambini

Rondine De Luca, insegnaci a dormire! Magici consigli della Fata della Nanna per le mamme e i loro bambini

8 Febbraio 2019 by · Commenta 

Decisi di consultare alcuni pediatri e a tutti rivolsi la stessa domanda: «Il sonno dei bambini è un problema così diffuso?».
La risposta fu sempre la stessa: «Non è UN problema, è IL problema!».
E così è cominciato tutto…

Per la collana “Vivere meglio” di Mondadori è da poco uscito “Mamma, insegnami a dormire” di Rondine De Luca, “i consigli di una fata della nanna per notti serene e bimbi felici”.

La Fata della Nanna Rondine De Luca racconta i suoi lunghi anni di esperienza al fianco di giovani coppie e di madri in difficoltà, i cui bambini non riescono ad avere un sonno regolare. Tutto è iniziato aiutando un’amica, fortemente provata dalle nottate in piedi per la sua creaturina: perché il suo bimbo non voleva saperne di dormire? Seguendo i suggerimenti de “Il linguaggio segreto dei neonati” di Tracy Hogg e affidandosi al proprio istinto, Rondine…continua a leggere

Storie della buonanotte per bambine ribelli

Storie della buonanotte per bambine ribelli

21 Marzo 2017 by · Commenta 

C’era una volta una ragazza dai capelli ricci e rossi che amava molto disegnare. Si chiamava Brenda. A quindici anni, Brenda chiamò gli studi  della Walt Disney. «Sono molto brava a disegnare» disse. «Potete darmi un lavoro?» Le risposero di riprovarci quando sarebbe stata più grande, e dopo la formazione giusta. Brenda fece proprio così. Studiò animazione all’Università e qualche anno più tardi si trovò dove aveva sempre sognato: in uno studio di Los Angeles, a lavorare sui film di animazione della Disney.

 

Storie della buonanotte per bambine ribelli” è molto più di una raccolta di favole e zuccherosi lieto fine. È uno straordinario esperimento vinto di come si possano accantonare le fiabe sulle principesse indifese e sostituirle con figure decisamente più reali e… continua a leggere

Anna

Anna

2 Ottobre 2015 by · Commenta 

Si sfilò lo zaino e lo lancio oltre le piante. Prese la rincorsa, poggiò un piede sul cordolo di cemento, passò tra i rami e si ritrovò nell’altra corsia.
Raccolse lo zaino e ansimando contò fino a dieci. Sollevò un pugno e sorrise. Aveva un bel sorriso pieno di denti bianchi che raramente mostrava.
Si incamminò zoppicando. Adesso non le restava che superare la rete ed era salva.
Dall’altra parte una scarpata finiva su una stradina che correva parallela all’autostrada. Non era il punto migliore per scavalcare con la caviglia ridotta così. Posò lo zaino e si voltò.
Vide il cane sbucare dagli oleandri e galoppare verso di lei.
Non era nero, ma bianco, il mantello era ricoperto di cenere e aveva un orecchio mozzo. Era il cane più grande che avesse mai visto in vita sua.
E se non ti muovi ti mangia.

Una storia dolce e coraggiosa quella che Niccolò Ammaniti ci regala nel suo ultimo romanzo Anna, edito Einaudi. In una Sicilia devastata, abbandonata, irriconoscibile, un virus, proveniente dall’Europa, ha colpito e sterminato tutti gli adulti, risparmiando solo i bambini. Anna, una ragazzina di tredici anni, si trova così, dall’età di nove, a dover prendersi cura di se stessa e del suo fratellino Astor, rimasti soli in questa realtà fatta di rovine e di cadaveri. Unico aiuto è un quaderno lasciato dalla madre…Continua a leggere

Andrea Bajani – Cordiali saluti

Andrea Bajani – Cordiali saluti

22 Luglio 2015 by · Commenta 

Cordiali saluti (Einaudi), romanzo breve e appuntito del bravissimo Andrea Bajani, è una storia che parla di lavoro, di vita e di morte, del momento in cui la verità e la menzogna si scontrano e gli uomini che sono spettatori della deflagrazione sono chiamati a decidere una volta per sempre da che parte stare, senza potersi nascondere più.

Il protagonista di questa storia è un giovane killer dei tempi moderni, un tagliatore di teste assunto da una grande azienda perché collabori a risolvere il problema della gestione delle risorse umane. Il suo lavoro consiste nel comporre le lettere di licenziamento destinate ai dipendenti che verranno messi alla porta, dato che la dirigenza ha deciso che, certo, i rami secchi dovranno essere inesorabilmente tagliati, ma che la notizia non dovrà essere comunicata brutalmente, di persona, bensì con eleganza… Continua a leggere

Marco Lodoli – Sorella

Marco Lodoli – Sorella

17 Giugno 2015 by · Commenta 

Sorella (Einaudi), piccola meraviglia dell’autore romano Marco Lodoli, è un racconto essenziale e nero, capace di incantare e inquietare già dalla sua frusciante immagine di copertina, seducente e enigmatica insieme.
Al centro di questa storia toccante e piena di sottointesi c’è un personaggio meraviglioso e terribile, una donna che, dalla prima all’ultima pagina, non fa che descrivere il mondo attorno a sé sezionandolo con uno sguardo preciso, impietoso, chirurgico, che non fa sconti a nulla e a nessuno. La proprietaria di questo sguardo implacabile si chiama Amaranta, non è più giovanissima, non è ancora vecchia, non è ribelle, non è in pace, non è felice, non è disperata, ed è una suora. Una suora inquieta e rassegnata, che ha preso i voti per i motivi sbagliati, pienamente cosciente di ciò che stava facendo, e che ora porta avanti con tenacia disperata una vita in cui non può perdere la fede, dato che non l’ha mai avuta, e in cui ogni minuto è dedicato a fare i conti con l’enorme dolore che riempie il mondo, e da cui lei cerca in ogni modo di salvarsi… Continua a leggere

Libri da leggere: Concita De Gregorio – Mi sa che fuori è primavera

Libri da leggere: Concita De Gregorio – Mi sa che fuori è primavera

11 Giugno 2015 by · Commenta 

L’ultimo libro di Concita De Gregorio, Mi sa che fuori è primavera (Feltrinelli) è un racconto che sfiora una storia grande e tragica e che si sforza di parlarne con voce delicata ma ferma, precisa e attenta a non scivolare mai nella sfacciataggine del melodramma, dell’apologo stracciacuore e strappalacrime.
Al centro di questa storia – fondata su un fatto di cronaca di qualche anno fa – ci sono due donne. Una, l’autrice, è una famosa giornalista, esperta nel guardare la realtà e nel mettere insieme le parole per raccontarla. L’altra, Irina, è una donna intelligente, colta e preparata, avvocato di successo, che un giorno si è trovata suo malgrado a sprofondare nell’incubo più indicibile che può toccare a un genitore: le sue figlie, due bambine gemelle di sei anni, sono state rapite dal padre, il suo ex marito, per poi scomparire nel nulla, inghiottite da un vuoto che non è né vita né morte ma semplicemente assenza. Di loro, dal momento della scomparsa ad oggi, non si è mai saputo nulla… Continua a leggere

Libri da leggere: Éric-Emmanuel Schmitt – Oscar e la dama in rosa

Libri da leggere: Éric-Emmanuel Schmitt – Oscar e la dama in rosa

14 Gennaio 2015 by · Commenta 

Oscar e la dama in rosa (Rizzoli), breve e travolgente racconto dello scrittore e drammaturgo francese Éric-Emmanuel Schmitt, racconta una storia sottile sottile, che finisce prima ancora di iniziare (e come potrebbe essere altrimenti?), ma che nelle sue poche pagine riesce a tenere insieme tutta la grazia e tutto l’incanto del mondo, tutto il dolore e la tragedia delle cose, senza steccare neanche una nota. Questo racconto sembra una canzone, una melodia facilissima cantata da una voce sola, senza strumenti e senza accompagnamento: tutto è affidato alla sua capacità di essere lucida e presente a se stessa, tutto è affidato alla sua capacità di dire, una nota per volta, tutto quello che deve, senza sforzo apparente, ma anche senza possibilità di fuga
Questa storia è una meditazione facile e immediata, lenta e quieta, sulla morte, sul suo senso, sul suo orrore, sul suo avvicinarsi a tradimento, spazzando via tutto quel che incontra sul suo cammino. E che la morte sia il vero oggetto di questo racconto è evidente da subito, senza mezzi termini e senza giri di parole: tutto ruota attorno alla fine di Oscar, che ha la leucemia e ha anche dieci anni, e vive in un ospedale popolato di buffi bambini impegnati in impressionanti battaglie con demoni terrificanti, più mostruosi di qualsiasi incubo. Vive in un ospedale, Oscar, e sa che sta morendoContinua a leggere

Libri da leggere: Neil Gaiman – Coraline

Libri da leggere: Neil Gaiman – Coraline

7 Gennaio 2015 by · Commenta 

Non esiste cosa più abissale delle favole e Coraline (Mondadori), celeberrimo romanzo “per ragazzi” di Neil Gaiman, delle favole ha tutta la grazia e tutta la grandezza, tutta la potenza riassunta in uno scheletro apparentemente semplice.
La protagonista di questo romanzo è – come potrebbe essere altrimenti? – una bimba bella, intrepida e inquieta, che dimostra una tenacia senza pari nell’opporsi al grigiore del mondo e nel cercare se stessa combattendo, all’occorrenza, pericoli indefiniti e universali, misteriosi e spaventosi come sono sempre i mostri e le paure dell’infanzia.
Il mostro contro cui Coraline combatte in queste pagine è orrendo e cattivo, e sconfiggerlo è, per un’eroina come la protagonista di questa storia, un obbligo imprescindibile, dal momento che in gioco ci sono la sua vita, quella delle persone che ama e anche quella di alcuni sconosciuti che, rinchiusi in uno sgabuzzino buio, le rivolgono parole traboccanti di pena e la implorano di non condannarli a un destino di oscurità.
Per vincere la sua battaglia, Coraline può contare sull’aiuto di un gatto senza nome, di un sassolino bucato e magico e soprattutto sulla propria forza di volontà e sulla prevedibilità del comportamento dei mostri. Che alla fine perdono sempre, anche quando giocano sporco, proprio perché nella mostruosità non c’è altro che ripetitivo dolore, eterno ritorno del male che non sa uscire da se stesso… continua a leggere

Cose fragili

Cose fragili

27 Agosto 2014 by · Commenta 

«La mia storia di fantasmi è questa.
Avevo quindici anni.
Abitavamo in una casa nuova, costruita nel giardino della nostra casa vecchia. Mi mancava ancora la casa vecchia, che era un’antica e maestosa dimora. Noi ne occupavamo la metà. Le persone che vivevano nell’altra metà avevano venduto la loro parte a un’impresa immobiliare, e così mio padre aveva venduto a quell’impresa anche la nostra casa.
Eravamo nel Sussex, in una città attraversata dal meridiano zero. Abitavo nell’Emisfero Orientale, e andavo a scuola nell’Emisfero Occidentale.
La casa vecchia conteneva un vero tesoro di cose strane: pezzetti di marmo luccicante e ampolle di vetro piene di mercurio, porte che si aprivano su mura di mattoni; giocattoli misteriosi; cose antiche e cose dimenticate.»

Neil Gaiman non si smentisce mai. Ognuno dei suoi racconti spalanca un mondo meraviglioso e oscuro, incantato ma allo stesso tempo sempre vagamente inquietante, abitato di venature di dubbio, di attesa e di mistero: è esattamente questo ciò che succede anche in Cose fragili, ultima fatica dell’autore britannico appena pubblicata in Italia da Mondadori.
Nei racconti e nelle “storie in versi” presenti in questa raccolta… continua a leggere