venerdì 24 maggio 2019

“Cat Person”: arriva anche in Italia il libro d’esordio di Kristen Roupenian, nuova voce della narrativa breve americana

“Cat Person”: arriva anche in Italia il libro d’esordio di Kristen Roupenian, nuova voce della narrativa breve americana

4 Marzo 2019 by · Commenta 

Facevamo esperimenti – con lividi e dolore, catene e giocattoli erotici – poi crollavamo in un groviglio di braccia e gambe umide, ammucchiati come immondizia rimasta sulla spiaggia dopo un temporale.

Einaudi ha appena pubblicato “Cat Person”, la prima raccolta di racconti di Kristen Roupenian. La storia di questo esordio letterario è già leggenda: la short story che dà il titolo al libro – “Cat Person”, appunto – appare sul New Yorker nel dicembre 2017 e nel giro di pochissimo si converte nel racconto più cliccato della storia del web. Per il successo straordinario del suo pezzo, alla Roupenian sono proposte immediatamente la pubblicazione di una raccolta di racconti e di un romanzo, la prima dei quali vende in un baleno i diritti in 26 Paesi e si prepara a diventare anche una serie tv antologica per la HBO. A portare la Roupenian in Italia è la collana Stile Libero Big di Einaudi.

Ma di cosa parla “Cat Person”?…continua a leggere

Libri da leggere: Simona Vinci – Dei bambini non si sa niente

Libri da leggere: Simona Vinci – Dei bambini non si sa niente

4 Marzo 2015 by · Commenta 

Comincia con un’immagine apparentemente poetica ma straordinariamente inquietante Dei bambini non si sa niente (Einaudi), romanzo d’esordio dell’autrice bolognese Simona Vinci: l’immagine di una bambina di dieci anni che in una sera di fine estate, nel parcheggio di un palazzo, guarda un campo di grano e canta «una di quelle canzoni che cantano i bambini, canzoni che quando le senti ti ricordano qualcosa e non sai esattamente cosa, forse di quando le cantavi anche tu».
Si capisce subito, fin dalle prime parole, che questa storia parla di cose morte e sepolte ma comunque spaventose come incubi di cui non ci si può liberare, di cose rotte impossibili da ricomporre, di un mare di dolore senza filtri, implacabile e duro, contro cui non esistono dighe e da cui non si può scappare una volta che lo si è risvegliato dal sonno delle ipotesi e lo si è lasciato entrare nel mondo delle cose vere, successe, ormai impossibili da scuotersi di dosso.

La bambina che canta si chiama Martina, ha finito la quinta elementare e vive nella campagna emiliana, in un paese della provincia bolognese in cui ci sono campi di grano, condomini, un benessere piccolo e rassicurante fatto di famiglie per bene e di bambini che si conoscono da sempre… continua a leggere

Sette anni di peccato

Sette anni di peccato

4 Giugno 2014 by · Commenta 

«Quante probabilità c’erano che si trovassero entrambi a bordo della stessa nave?
Nell’uomo che le stava di fronte, Jessica non riusciva a vedere quasi nulla del ragazzo di una volta. Il tempo aveva reso i suoi lineamenti più spigolosi, conferendogli un’aria ancora più virile. I suoi occhi di un blu vibrante erano incorniciati da ciglia folte e da sopracciglia scure e, alla luce soffusa del tramonto e delle lampade a olio, i suoi capelli corvini splendevano pieni di vitalità. Se un tempo era di una bellezza sorprendente, ora era persino meglio: un uomo maturo, con l’aria esperta e così virile da togliere il fiato.»

Silvia Day, dopo il successo della trilogia A nudo per te, torna oggi in libreria con Sette anni di peccato (Mondadori), romanzo erotico colmo di tensione e di desiderio ambientato nell’Inghilterra del XVIII secolo. Protagonista di questa nuova appassionante vicenda è lady Jessica Sheffield, una giovane fanciulla bella e piena di vita, che sta per sposarsi con il visconte di Tarley, uomo che la ama teneramente e che le donerà le sue ricchezze e il suo titolo.
Alla vigilia delle nozze, però, la ragazza scopre qualcosa che la lascia sbalordita e vagamente inquieta, preda di un’eccitazione che non sa definire: Alistair Caulfield, un suo amico di vecchia data povero ma bellissimo, è solito vendere il proprio corpo alle dame della buona società, facendosi pagare per dar loro un po’ di quella passione che troppo spesso manca ai loro matrimoni tristi e privi di amore. La scoperta turba profondamente Jessica, ma la ragazza decide di non tradire il suo vecchio amico e di lasciarsi ciò che ha visto alle spalle, concentrandosi sul proprio futuro e sul matrimonio ormai prossimo. Nonostante tutti i suoi sforzi, però, non riuscirà mai a dimenticare davvero ciò che ha visto e l’eccitazione che ha provato quel giorno, che l’accompagneranno negli anni come una sorta di presenza muta, silenziosa ma magnetica… continua a leggere

Per tutti gli sbagli

Per tutti gli sbagli

4 Giugno 2014 by · Commenta 

«L’attenzione che Tommaso ha per lei è così densa e calda da riempire l’aria di una vibrazione magnetica, le appanna gli occhi a forza di sguardi. Averlo vicino le mette addosso una specie di frenesia libera, fuori controllo. È così diverso dagli altri uomini che ci hanno provato con lei.
Per Tommaso, invece, Linda è estrema, in tutti i sensi: imprevedibile, vitale, ma sotto la superficie anche delicata, fragile come una ragazzina, a volte. Non c’è da stupirsi se tende quasi sempre all’eccesso, se il suo equilibrio non è proprio esemplare: ma è quello il suo lato migliore. È la sua spontaneità ciò che ama di più: lei fa esattamente quello che le va, senza retropensieri o costruzioni mentali.»

Dopo aver scalato le classifiche di vendita italiane e internazionali con la trilogia Io ti guardo, Io ti sento, Io ti voglio, Irene Cao inaugura una nuova avventura erotica con il suo ultimo romanzo Per tutti gli sbagli (Rizzoli), storia di passioni brucianti, spiriti liberi e sentimenti impossibili da reprimere.
La protagonista di questo nuovo romanzo è Linda, giovane architetto di grande successo, specializzata in design di interni. Linda è una donna coraggiosa, indipendente, libera e determinata a non farsi rinchiudere in nessun gabbia: sa quanto vale e non vuole essere contraddetta, in nessun ambito della sua vita. Un giorno, però, nella sua vita entra Tommaso… continua a leggere

La lezione

La lezione

5 Febbraio 2014 by · Commenta 

«Insegnando avevo imparato che proprio i ragazzi che difficilmente sarebbero andati in giro a vantarsi erano i più difficili da abbordare in assoluto.
Il mio tirocinio era stato una sorta di presa di coscienza su quanto complicati fossero i miei bisogni. All’inizio avevo sperato che stare semplicemente vicino a loro mi sarebbe bastato – come il corallo in mezzo agli anemoni, avrei racimolato la vitalità di cui avevo bisogno attraverso le orde in movimento che passavano accanto al mio corpo nei corridoi. Ma nell’arco di una settimana, mi resi conto che questa era una menzogna.»

Alissa Nutting costruisce, con il suo romanzo La lezione (Einaudi), una storia coraggiosa e spietata che mette il lettore di fronte a interrogativi senza risposta, profondamente disturbanti ma proprio per questo particolarmente potenti, evocativi, capaci di inquietare, sconvolgere e far riflettere nello stesso tempo.
La scrittrice statunitense riesce a ottenere questo risultato grazie al suo coraggio nell’addentrarsi entro le trame di uno dei grandi tabù del nostro tempo… continua a leggere