domenica 09 dicembre 2018

“Vuoto”: una nuova indagine per i bastardi di Pizzofalcone

“Vuoto”: una nuova indagine per i bastardi di Pizzofalcone

5 dicembre 2018 by · Commenta 

L’aula in cui avrebbero dovuto incontrare coloro che potevano fornire informazioni sulla Fimiani era uno stanzone vuoto e freddo, rischiarato da una luce livida che filtrava attraverso un finestrone opaco e sporco. In fondo c’era una vecchia lavagna, su cui si intravedevano formule matematiche e parole cancellate male.
Lojacono non avrebbe saputo spiegare perché, ma quell’ambiente gli dava i brividi. Avrebbe dovuto essere pieno di ragazzi e di risate, di carte geografiche e di matite, di banchi scarabocchiati e di chewing-gum attaccati sotto le sedie; invece era deserto, e i passi sul pavimento un po’ sconnesso producevano un’eco beffarda. […]
Vuoto, riflettè Lojacono. Questo posto è vuoto. Di un vuoto più grande di quello che sembra, più grande di tutto. Vuoto di sogni.

Torna con una nuova indagine la celebre squadra del commissariato napoletano di Pizzofalcone, creata da Maurizio De Giovanni: dopo “Buio”, “Gelo”, “Cuccioli”, “Pane” e “Souvenir“, il nuovo libro, appena uscito per la collana Stile Libero Big di Einaudi, s’intitola “Vuoto”.

Vuoto come quello lasciato dalla scomparsa di Chiara Fimiani, una brava e riservata professoressa di Lettere in un Istituto Tecnico di un quartiere difficile di Napoli. Il marito della donna, un imprenditore molto in vista in città, non sembra…continua a leggere

24 ore in giallo per i detective di Casa Sellerio

24 ore in giallo per i detective di Casa Sellerio

28 novembre 2018 by · Commenta 

Se le giornate di un panettiere o di un commerciante finiscono per assomigliarsi molto l’una all’altra, quelle di un poliziotto sono sempre diverse. Quindi immagino che se ai miei colleghi venisse chiesto qual è stato il giorno più insolito della loro vita lavorativa, credo che la maggior parte di loro non saprebbe cosa rispondere. Ma non è così per me. Io lo so, invece. Non potrò mai dimenticare quella giornata così strana.

Nelle precedenti antologie c’hanno raccontato Natale, carnevale e ferragosto; hanno scritto del viaggio, del calcio e persino della crisi… Questo autunno, la squadra di invincibili della celebre collana Sellerio “La memoria” è ancora in libreria con otto nuovi racconti del mistero, raccolti in questo libro dal titolo “Una giornata in giallo”. La sfida che Sellerio lancia ai suoi autori stavolta è questa: far risolvere ai propri protagonisti un mistero in sole 24 ore. Ed ad accoglierla, non manca proprio nessuno!

Andrea Camilleri fa intervenire Montalbano in una scomoda questione che…continua a leggere

Recensione libro “L’ anello mancante” di Antonio Manzini

Recensione libro “L’ anello mancante” di Antonio Manzini

27 aprile 2018 by · Commenta 

“Una sfiga tremenda”. Italo era nell’ufficio di Schiavone insieme a Caterina.
“Non è sfiga, Italo. Se uno va in pieno inverno a scalare una montagna di 4000 e passa metri può succedere. Sfiga è uno che attraversa la strada per andare a fare la spesa e gli cade un vaso in testa”.

Appare Rocco Schiavone e le conseguenze sono, come sempre, imprevedibili.
Antonio Manzini, sceneggiatore, attore e autore celebre per i romanzi “Sangue marcio” e “La giostra dei criceti”, torna a raccontarci le gesta del vicequestore Schiavone in “L’anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone”.
Il personaggio, introdotto per la prima volta nel racconto “L’accattone”, del 2012, è un dirigente del commissariato Cristoforo Colombo dell’EUR che viene forzatamente trasferito da Roma ad Aosta per motivi disciplinari. Proprio ad Aosta… continua a leggere

Recensione libro: “Pulvis et umbra” di Antonio Manzini

Recensione libro: “Pulvis et umbra” di Antonio Manzini

1 settembre 2017 by · Commenta 

Le luci della sera erano calate da una mezz’ora e l’aria era fresca e piacevole. Qualche ritardatario con passo affrettato rientrava a casa. Lui invece se ne stava lì, fermo, sul marciapiede di via Brean. Non si decideva. Bastava solo attraversare e suonare il citofono, il resto sarebbe venuto da sé. Eppure quel piccolo passo non riusciva a farlo. Le mani nelle tasche, continuavano a stropicciare il foglietto di carta con l’indirizzo: via Brean 12, studio Emme.

In “7-7-2007Antonio Manzini aveva lasciato sospese molte questioni e sbigottiti i lettori. “Pulvis et umbra” riannoda i fili lasciati aperti nel precedente capitolo ed elabora inediti scenari per Rocco. L’uccisione di Adele non ha trovato risposte ma solo la certezza di essere stata una vittima ammazzata per errore. Schiavone era il vero obiettivo. Eppure, proprio lui è oggetto di insinuanti sospetti da parte dei vertici della polizia. Come reagisce a questo il burbero Schiavone? In linea con il suo carattere: disinteressandosi dell’attività della questura e impegnandosi nelle risoluzione di un nuovo caso. Il corpo esanime… continua a leggere

Recensione libro: “Rondini d’inverno” di Maurizio De Giovanni

Recensione libro: “Rondini d’inverno” di Maurizio De Giovanni

4 luglio 2017 by · Commenta 

Lo Splendor è un teatro che ha classe e nutre ambizioni e, se qualcuno esagera sotto l’effetto del vino o del liquore a prezzi modici, viene accompagnato con gentilezza alla porta dal cordiale capo-cameriere in mezzo tight e lasciato in strada, ubriaco, abbandonato al proprio destino, a ondeggiare e raffreddare gli spiriti bollenti al vento di fine dicembre, se il vento di fine dicembre fosse freddo. Ma stasera, che il Natale è già un ricordo e che i destini sono in bilico tra un anno mesto e le speranze di un anno migliore, stasera che il primo spettacolo è finito e il secondo volge al termine, è difficile concentrarsi.

Il Natale è appena passato e il Capodanno con i suoi festeggiamenti sta per arrivare in “Rondini d’inverno”, ultima fatica letteraria di Maurizio De Giovanni. In un giorno tra queste due festività, precisamente il 28 dicembre, succede l’impensabile. L’incredibile non risiede nel colpo di pistola sparato da Michelangelo Germi a Fedora Marri ma… continua a leggere

Recensione libro: “Il sorcio” di Georges Simenon

Recensione libro: “Il sorcio” di Georges Simenon

26 giugno 2017 by · Commenta 

Erano appena passate le undici e dieci quando la porta del commissariato si aprì. I due agenti che giocavano a dama alzarono la testa. Anche il brigadiere che fumava la pipa dietro il bancone di legno nero si drizzò, ma tutti, ancor prima di aver visto in faccia il nuovo arrivato, capirono di chi si trattava sentendo una voce ben nota che protestava: «Le ripeto, giovanotto, che non c’è bisogno di spingere! Lei non sa con chi ha a che fare! To’! È di servizio proprio il mio brigadiere».

Torna la maestria di Georges Simenon senza il suo celeberrimo Maigret in “Il sorcio”. A cinquant’anni dall’ultima traduzione in italiano, Adelphi ripubblica un classico della letteratura poliziesca. Il romanzo, edito per la prima volta nel 1938, porta in scena un peculiare protagonista e una serie di volti già noti per gli amanti dei… continua a leggere

Recensione libro: “La strega” di Camilla Läckberg

Recensione libro: “La strega” di Camilla Läckberg

22 giugno 2017 by · Commenta 

Sanna si chinò sul cespuglio di filadelfo e ne annusò il profumo, senza però trarne il consueto effetto calmante. I clienti si muovevano intorno a lei, sollevavano i vasi e mettevano il terriccio nelle carriole, ma li notava malapena. L’unica cosa che vedeva davanti a sé era il sorriso falso di Marie Wall. Non riusciva a credere che fosse tornata. Dopo tutti quegli anni. Come se non le bastasse essere costretta a incontrare Helen in città, doverla salutare. Aveva accettato di averla vicina, di poterla incontrare in qualsiasi momento. Negli occhi di Helen riusciva a vedere il senso di colpa, riusciva a vedere come la consumasse sempre di più ogni anno che passava. Marie invece non aveva mai mostrato alcun rimorso.

La cittadina di Fjällbacka si trasforma nella scenografia ideale per il film dedicato a Ingrid Bergman. A interpretare la parte della protagonista è Marie Wall, star hollywoodiana affermata e originaria proprio del luogo. Sembrerebbe un normalissimo racconto ma l’immaginazione e la penna di Camilla Läckberg proiettano tutto quanto in un intricato thriller. “La strega” è l’ultimo lavoro dell’autrice e promette una buona dose di suspense e sorprese. Insieme alla sua migliore amica, Marie era stata accusata trent’anni prima dell’uccisione… continua a leggere

Recensione libro: “La rete di protezione” di Andrea Camilleri

Recensione libro: “La rete di protezione” di Andrea Camilleri

26 maggio 2017 by · Commenta 

Dopo averi tambasiato ufficio ufficio per un tri orate, il commissario addicidì che era vinuta l’ora d’andare a mangiari. La truppi, naturalmenti, aviva ‘nvaso macari la trattoria di Enzo , e la cosa che distrubbava Montalbano chiossà era il grannissimo burdello, frastuono, casino che svidisi e italiani arriniscivano a fari mentri che mangiavano. Cosa per lui ‘nsopportabili dato che il silenzio era il companatico sò.

Cold case e social si intrecciano magistralmente in “La rete di protezione” di Andrea Camilleri. L’assolato borgo di Vigàta è in fermento per l’arrivo di una truppe cinematografica svedese. La Sicilia degli anni ’50 è l’ambientazione pensata per la fiction da girare e proprio per questo si chiede a tutti i cittadini di contribuire al progetto recuperando le loro fotografie d’epoca. Mansarde, soffitte, cantine e album dei ricordi sono scandagliati con precisione mai vista prima e anche l’ingegnere Ernesto Sabatello decide di partecipare a questa caccia al tesoro. Quello che… continua a leggere

Recensione libro: “Ragdoll” di Daniel Cole

Recensione libro: “Ragdoll” di Daniel Cole

16 maggio 2017 by · Commenta 

Tra i riflessi lampeggianti, notò la spia arancione della lavatrice e ricordò di averci messo gli abiti da lavoro prima di andare a letto. Guardò gli scatoloni accatastati lungo le pareti. Erano tutti identici. «Maledizione.»Cinque minuti dopo, Wolf si fece largo tra la folla di spettatori che si erano assiepati fuori dal palazzo. Si avvicinò a un poliziotto e mostrò tranquillamente il tesserino, aspettandosi di poter oltrepassare tranquillamente il cordone. Ma il giovane agente gli sfilò il documento dalle mani e lo esaminò con attenzione, osservando scettico quell’uomo imponente vestito con un costume da bagno e una maglietta sbiadita dei Bon Jovi, del Keep  the Faith Tour 1993. -Agente Layton- Fawkes, esatto?-

Daniel Cole esordisce con un thriller mozzafiato e imperdibile. William Fawkes, detto Wolf, e la sua collega Emily Bax sono i protagonisti di “Ragdoll” e i detective designati per risolvere un caso intricato e macabro: devono scoprire l’identità delle persone trucidate oltre a quella dell’assassino. Il killer, denominato Ragdoll, ha infatti utilizzato parti… continua a leggere

Recensione libro: “Dentro l’acqua”di Paula Hawkins

Recensione libro: “Dentro l’acqua”di Paula Hawkins

2 maggio 2017 by · Commenta 

Poi però mi hanno spiegato quello che era successo, quello che avevi fatto: eri entrata nell’acqua. A quel punto ero furiosa. Furiosa e spaventata. Ho pensato alle parole che ti avrei detto al mio arrivo: che di sicuro l’avevi fatto di proposito, per sfidarmi, per farmi arrabbiare, per infrangere la calma della mia vita. Il tuo scopo era quello di attirare la mia attenzione e costringermi a venire lì, dove tu volevi che fossi. Eccomi qua, Nel: hai vinto. Sono di nuovo nel posto in cui non avrei più voluto far ritorno.

Nel fiume di Beckford, a nord dell’Inghilterra, è rinvenuto il corpo di Nel Abbott. Inizia così, dopo due anni da “La ragazza del treno”, l’ultimo e attesissimo thriller di Paula Hawkins. Il corpo di Nel è ritrovato proprio dove diverse altre donne, “scomode” e difficili, si sono suicidate nel corso del tempo. Sua sorella, Julia, non è per nulla convinta del suo annegamento volontario però… continua a leggere

Next Page »