domenica 09 dicembre 2018

“Vuoto”: una nuova indagine per i bastardi di Pizzofalcone

“Vuoto”: una nuova indagine per i bastardi di Pizzofalcone

5 dicembre 2018 by · Commenta 

L’aula in cui avrebbero dovuto incontrare coloro che potevano fornire informazioni sulla Fimiani era uno stanzone vuoto e freddo, rischiarato da una luce livida che filtrava attraverso un finestrone opaco e sporco. In fondo c’era una vecchia lavagna, su cui si intravedevano formule matematiche e parole cancellate male.
Lojacono non avrebbe saputo spiegare perché, ma quell’ambiente gli dava i brividi. Avrebbe dovuto essere pieno di ragazzi e di risate, di carte geografiche e di matite, di banchi scarabocchiati e di chewing-gum attaccati sotto le sedie; invece era deserto, e i passi sul pavimento un po’ sconnesso producevano un’eco beffarda. […]
Vuoto, riflettè Lojacono. Questo posto è vuoto. Di un vuoto più grande di quello che sembra, più grande di tutto. Vuoto di sogni.

Torna con una nuova indagine la celebre squadra del commissariato napoletano di Pizzofalcone, creata da Maurizio De Giovanni: dopo “Buio”, “Gelo”, “Cuccioli”, “Pane” e “Souvenir“, il nuovo libro, appena uscito per la collana Stile Libero Big di Einaudi, s’intitola “Vuoto”.

Vuoto come quello lasciato dalla scomparsa di Chiara Fimiani, una brava e riservata professoressa di Lettere in un Istituto Tecnico di un quartiere difficile di Napoli. Il marito della donna, un imprenditore molto in vista in città, non sembra…continua a leggere

Cuccioli per i bastardi di Pizzofalcone

Cuccioli per i bastardi di Pizzofalcone

23 novembre 2015 by · Commenta 

Gettò uno sguardo pigro alla spazzatura che traboccava dai contenitori, domandandosi per quale motivo la ritrassero la mattina, in mezzo al traffico, e non di notte, come accade in ogni paese civile. Cartoni, fogli di cellofan, sacchetti semiaperti, cassette di legno, una bambola rotta, perfino la carcassa di uno scooter. Che schifo.
Aveva appena superato i cassonetti quando la bambola rotta si mise a piangere.

Maurizio De Giovanni, noto al pubblico letterario come padre del commissario Ricciardi, torna ora con Cuccioli per i bastardi di Pizzofalcone, edito Einaudi, e racconta l’ultima avventura della squadra di ispettori in cui pochi, o nessuno, pone fiducia. Palma, Pisanelli, Lojacono, Romano, Calabrese, Di Nardo e Aragona sono, infatti, i Bastardi di Pizzofalcone, personaggi alquanto problematici…Continua a leggere

Buio per i bastardi di Pizzofalcone

Buio per i bastardi di Pizzofalcone

28 novembre 2013 by · Commenta 

«Come vorrei stare nella mia stanzetta, adesso. Anche se la porta del ripostiglio si apre da sola. Dodo ricaccia indietro le lacrime, e sussulta a un fruscio nell’angolo in fondo. Non saprebbe nemmeno dire quant’è grande, quel posto. Di certo non si mette a esplorarlo. Batman, invoca stringendo la manina sudata attorno al pupazzo. Fortuna che ti ho portato con me, stamattina, a scuola».

Maurizio De Giovanni torna in libreria con Buio per i bastardi di Pizzofalcone (Einaudi): Gigi, il Presidente, il Cinese, Hulk, Mammina, Alex, Sperico sono stati riuniti in una squadra con un unico scopo: farli fallire, ma loro hanno sorpreso tutti, loro sono i bastardi di Pizzofalcone… continua a leggere

I bastardi di Pizzofalcone

I bastardi di Pizzofalcone

28 giugno 2013 by · Commenta 

«Il Coccodrillo. Il vecchio anonimo e disperato che aveva ucciso quattro ragazzi. Che lui, indagando senza mandato, aveva scoperto; di cui aveva trovato identità e movente. Mentre tutta la polizia della città scavava nei soliti armadi, camorra, malaffare, droga, senza approdare a niente. La storia lo aveva parzialmente riabilitato, ma lo aveva reso ancora meno popolare tra i colleghi».

Luigi Palma, Giorgio Pisanelli, Giuseppe Lojacono, Francesco Romano, Ottavia Calabrese, Alessandra Di Nardo, Marco Aragona, loro sono i poliziotti che devono ricostruire l’immagine di un commissariato che esce da una bruttissima storia, loro sono I bastardi di Pizzofalcone. Provengono da luoghi diversi, non si conoscono ma hanno una cosa in comune: ognuno di loro ha qualcosa da nascondere o da farsi perdonare… continua a leggere