martedì 19 febbraio 2019

Un romanzo sul passato e l’oblio: “Idda” di Michela Marzano

Un romanzo sul passato e l’oblio: “Idda” di Michela Marzano

28 Gennaio 2019 by · Commenta 

Le piante hanno un metabolismo molto particolare, ripeto da anni ai miei studenti, sono organismi autotrofi che, a differenza degli esseri umani e degli altri animali, producono autonomamente le sostanze organiche necessarie al proprio sostentamento: lezione n. 1. Le piante non hanno bisogno di nessuno. Niente legami, niente relazioni, niente di niente – anche se questo non lo dicevo, mi limitavo a pensarlo.

Idda”: s’intitola così l’ultimo libro di Michela Marzano uscito per la collana Stile Libero Big di Einaudi. “Idda” come lei, in dialetto salentino. “Lei”, come la donna che involontariamente scompagina tutte le deboli certezze su cui si regge il presente della protagonista.

Alessandra insegna biologia in un’università di Parigi. Ha quarantun anni e convive con Pierre. Alessandra è nata in Salento, la terra dell’olio e del buon vino, ma dalla Puglia se n’è andata ormai da molti anni: con la propria famiglia…continua a leggere

Recensione libro: “L’amore che mi resta”di Michela Marzano

Recensione libro: “L’amore che mi resta”di Michela Marzano

6 Aprile 2017 by · Commenta 

Da stamani sono in cucina davanti ai fornelli senza concludere nulla. Mi cade a terra il caffè, rompo un bicchiere, macchio d’olio il grembiule. Oggi va tutto storto. Oggi non mi sarei dovuta alzare. Oggi tu avresti compiuto ventisei anni, Giada. Quando si affaccia alla porta, Andrea mi trova seduta, le ginocchia strette fra le braccia, in lacrime. – Lo so, Daria-. Si avvicina. Prova a toccarmi un braccio. Lo scosto. Poi prende anche lui una sedia e mi resta accanto pensieroso, turbato, la fronte sulla mano.- In nessuna lingua esiste un termine per definire i genitori che hanno perso un figlio,- dice.- Non c’è in francese, non c’è in spagnolo, non c’è in inglese, non c’è in tedesco, non c’è in russo. Non c’è nemmeno in cinese.

Con “L’amore che mi resta” ritorna nelle librerie italiane un romanzo firmato Michela Marzano. Dopo “L’amore è tutto: è tutto ciò che so sull’amore” e “La fedeltà o il vero amore”, il fulcro del suo nuovo lavoro torna a essere il più forte dei sentimenti. Solo che questa volta è descritto l’affetto profondo e lacerato di una madre… continua a leggere

Il diritto di essere io

Il diritto di essere io

9 Maggio 2014 by · Commenta 

«Siamo tutti cresciuti a suon di slogan e di volontarismo esacerbato. “Impegnati e otterrai”. “Sforzati e capirai”. “Concentrati sulle tue idee e porta avanti il tuo progetto di vita”. Siamo diventati grandi illudendoci di essere ormai usciti dall’ideologia del conformismo e dell’uniformità, e che ognuno avesse finalmente il diritto di autodeterminarsi e di scegliere in modo autonomo come vivere e come comportarsi. In poche parole, siamo cresciuti convinti che il ‘diritto di essere io’ ci appartenesse. Prima di renderci conto che, in realtà, i diritti individuali fanno ancora molta fatica ad essere riconosciuti. Anzi, troppo spesso non lo sono, soprattutto quando non si corrisponde a determinate ‘norme’ o si è ‘diversi’.»

La filosofa Michela Marzano riflette, nel suo breve saggio Il diritto di essere io, appena pubblicato da Laterza nella collana iLibra, su uno dei temi più importanti e allo stesso tempo più sfuggenti della sociologia contemporanea: quello del rapporto tra identità del singolo e diritto al riconoscimento da parte della società. In che modo, si chiede Michela Marzano, la società riconosce le individualità delle persone e le valorizza?… continua a leggere