domenica 09 dicembre 2018

24 ore in giallo per i detective di Casa Sellerio

24 ore in giallo per i detective di Casa Sellerio

28 novembre 2018 by · Commenta 

Se le giornate di un panettiere o di un commerciante finiscono per assomigliarsi molto l’una all’altra, quelle di un poliziotto sono sempre diverse. Quindi immagino che se ai miei colleghi venisse chiesto qual è stato il giorno più insolito della loro vita lavorativa, credo che la maggior parte di loro non saprebbe cosa rispondere. Ma non è così per me. Io lo so, invece. Non potrò mai dimenticare quella giornata così strana.

Nelle precedenti antologie c’hanno raccontato Natale, carnevale e ferragosto; hanno scritto del viaggio, del calcio e persino della crisi… Questo autunno, la squadra di invincibili della celebre collana Sellerio “La memoria” è ancora in libreria con otto nuovi racconti del mistero, raccolti in questo libro dal titolo “Una giornata in giallo”. La sfida che Sellerio lancia ai suoi autori stavolta è questa: far risolvere ai propri protagonisti un mistero in sole 24 ore. Ed ad accoglierla, non manca proprio nessuno!

Andrea Camilleri fa intervenire Montalbano in una scomoda questione che…continua a leggere

Recensione libro: “Un anno in giallo” di Sellerio Editore Palermo

Recensione libro: “Un anno in giallo” di Sellerio Editore Palermo

29 novembre 2017 by · Commenta 

Fuori dall’albergo ci sono Marilù, Peppe Piccionello, i suoi cugini operai e altri che non conosco.
Scendo dall’auto con il sorriso ancora tirato.
«Che succede? Assemblea di fabbrica?» dico.
«Non sapete niente?» fa Piccionello.
«Cosa?» chiede Suleima.
«È scomparso un bambino».

Dodici protagonisti del noir per un eccezionale evento editoriale: un anno intero in compagnia dei detective di casa Sellerio per la prima volta insieme con dodici racconti inediti. “Un anno in giallo” costituisce una sorta di bilancio e insieme una prospettiva di un nuovo modo di fare letteratura poliziesca, mettendo al centro il protagonista e seguendone le stagioni della vita. Al suo interno questo libro raccoglie la firma di penne indimenticabili e di personaggi che hanno segnato la letteratura noir in Italia, uno per ogni mese dell’anno. Ad aprire le danze sono Camilleri e il suo commissario Montalbano, che intrattengono il lettore per il mese di gennaio. Seguono Saverio Lamanna, un giornalista licenziato e investigatore creato dall’ironia di Savatteri; Vince Corso, il biblioterapeuta di Fabio Stassi; i Vecchietti del BarLume, creati dall’umorista Malvaldi; i killer di Robecchi, cinici e sensibili; Hati Hirschel, spregiudicata turco-tedesca dilettante del delitto, frutto della scrittura di Aykol… continua a leggere

Noli me tangere

Noli me tangere

19 gennaio 2016 by · Commenta 

«Laura è facile alle infatuazioni»
«Ti riferisci agli uomini?»
«Si infatua di uomini, di bambini, di imprese utopiche…allora spende tutta se stessa, si dona completamente, ciecamente, e spessissimo, quando s’accorge di essersi regalata invano, ne esce come dissugata e disgustata. Riceve ferite profonde che riesce in qualche modo a nascondere, a dissimulare…Se le fanno più male del solito, allora si corica e se ne resta intere giornate a letto senza voler vedere nessuno. Completamente isolata. Sta lì a leccarsi le ferite. Ma da queste ferite non impara nulla, anzi non sono nemmeno cicatrizzat che già e pronta a ricominciare, a buttarsi a capofitto.»
«Sei sicuro che mi stai parlando di Laura?»
«E di chi, se no?»

I romanzi di Andrea Camilleri non mancano mai di figure di donne intriganti, di particolare bellezza e intelligenza. Laura Garaudo, la donna descritta in Noli me tangere di Camilleri, edito Mondadori, sembra concentrare e impersonare la complessità e la profondità di tutte le figure femminili del grande scrittore siciliano.
Laura ha il ghibli, ha il freddo vento del deserto dentro di sé. Lo sostiene il marito, uno scrittore di trent’anni più grande, che la venera incondizionatamente. E lo sostengono anche i suoi numerosi amanti…Continua a leggere

Certi momenti

Certi momenti

23 novembre 2015 by · Commenta 

La cerimonia della cresima fu brevissima: mi cinsero la fronte con una benda bianca, il mio padrino mi stava accanto, il vescovo disse alcune preghiere in latino, poi si avvicinò a me che ero inginocchiato, mi diede un buffetto sulla guancia e mi disse di alzarmi. La cerimonia era finita. Mi tolsero la benda, mi avvicinai al vescovo, mi inchinai davanti a lui profondamente. Egli si chinò, mi prese per le spalle e accennò a un abbraccio.
«È stato un vero piacere conoscerti» mi disse, passando dal lei al tu.
Ho novant’anni. Quelle tre ore trascorse a dialogare con Piccioni sono rimaste marchiate per sempre, non solo nella mia memoria, ma anche e soprattutto nel mio cuore.

I lettori più assidui e fedeli di Andrea Camilleri non potranno che amare questo suo ultimo lavoro, Certi momenti, edito da Chiarelettere. In queste pagine, il più famoso scrittore siciliano ci regala un pezzetto di sé e dei suoi anni giovanili, raccontando quegli incontri, con libri e persone, che hanno determinato in lui «una sorta di cortocircuito» e che in un modo o nell’altro hanno condizionato la sua vita, come uomo e come scrittore.
Chi scrive queste pagine è un Camilleri più intimo…Continua a leggere

Le vichinghe volanti e altre storie d’amore a Vigàta

Le vichinghe volanti e altre storie d’amore a Vigàta

2 novembre 2015 by · Commenta 

Le quattro picciotte, bellissime, cchiù belle assà di quanto apparivano nel manifesto, àvute tutte uguali, un metro e ottanta, i capelli biunnissimi longhi fino a tanticchia supra il funno schina, in muta nìvura attillatissima, s’apprisintavano a una a una trasenno dalla porticina nica. Che veniva subito ‘nserrata quanno erano trasute tutte.
Ognuna reggiva per il manubrio la propria motogigletta, una Harley-Davidson.

Andrea Camilleri, nel suo ultimo romanzo Le vichinghe volanti e altre storie d’amore a Vigàta, edito Sellerio, mostra ancora una volta grande creatività nel descrivere l’amore in tutte le sue sfaccettature.
Otto racconti che parlano di intrighi, passioni…Continua a leggere

Ferragosto in giallo

Ferragosto in giallo

3 luglio 2013 by · Commenta 

«Prendere le ferie nel mese d’agosto mi è sempre parsa una decisione sbagliata. Potrei citare mille argomenti a sostegno di questa mia affermazione, e tutti suonerebbero altamente ragionevoli e comprensibili. […] Tuttavia se analizzo le mie ragioni più profonde, mi accorgo che per me il vero punto della questione è un pregiudizio puramente snob: trovo che andare in vacanza quando ci vanno tutti è di una cafoneria imperdonabile.»

Casa Sellerio quest’estate non va in ferie. E non ci andranno nemmeno Montalbano, Petra Delicado e Fermín Garzón, i vecchietti del BarLume, Eugenio Consonni, Rocco Schiavone e Baiamonte, tutti i protagonisti della casa editrice che son stati trattenuti in città nei giorni più afosi dell’anno dalle penne che li ha generati: Andrea CamilleriAlicia Giménez-BartlettMarco Malvaldi,  Francesco RecamiAntonio ManziniGian Mauro Costa. Dopo Un Natale in gialloCapodanno in gialloFerragosto in giallocontinua a leggere

Un covo di vipere

Un covo di vipere

29 maggio 2013 by · Commenta 

«S’assittò supra allo scoglio chiatto e lassò che per ‘na decina di minuti il soli lo quadiasse. Po’ s’addrumò ‘na sicaretta. Voliva stari per qualichi minuto con la testa sgombra di pinseri.[…] Appresso si misi a tirari petruzze di ghiaietta dintra a ‘na pozza d’acqua tra dù scogli e a taliare i cerchi concentrici. Quindi si dissi che la pausa oramà era finuta e tornò con la menti all’ammazzatina del raggiuneri».

Andrea Camilleri ci trasporta, come sempre, nella sua amata Sicilia, torrida e omertosa, bella e spietata, nell’ultima indagine del commissario Montalbano: Un covo di vipere (Sellerio Editore Palermo). Questa volta non è Catarella a svegliarlo nel cuore della notte, ma un misterioso personaggio che trova rifugio dalla tempesta nella sua veranda: fischietta come un fringuello e parla un italiano perfetto. Ma non facciamo a tempo a conoscere nient’altro della sua storia perché… continua a leggere

Come la penso. Alcune cose che ho dentro la testa

Come la penso. Alcune cose che ho dentro la testa

29 maggio 2013 by · Commenta 

«Scrivo perché così mi ricordo di tutte le persone che ho amato. Scrivo perché mi piace raccontarmi storie. Scrivo perché mi piace raccontare storie. Scrivo perché alla fine posso prendermi la mia birra. Scrivo per restituire qualcosa di tutto quello che ho letto».

Andrea Camilleri si racconta, si sbottona, si lascia andare ai ricordi della sua Sicilia, dell’Italia di ieri e di oggi in Come la penso. Alcune cose che ho dentro la testa (Chiarelettere). Una raccolta di saggi e racconti, il mondo, la politica e la società visti attraverso lo sguardo ironico e sornione del creatore di Montalbano… continua a leggere

Una voce di notte

Una voce di notte

23 ottobre 2012 by · Commenta 

Sellerio editore pubblica Una voce di notte, il nuovo romanzo giallo di Andrea Camilleri con protagonista l’amatissimo commissario Montalbano!
È notte e in un supermercato di Vigàta è appena stato commesso un furto. L’incasso, una grossa somma, è stato sottratto ma non sembrano esserci segni di infrazione. Il direttore, Borsellino, appare frastornato, confuso e le domande del Commissario lo mettono in una palese agitazione.
Il giorno seguente Borsellino viene ritrovato morto impiccato. Ma si è suicidato veramente o qualcuno lo ha assassinato?… continua a leggere

Una lama di luce

Una lama di luce

21 giugno 2012 by · Commenta 

Andrea Camilleri, scrittore infaticabile, torna in libreria con un nuovo episodio dell’amatissimo commissario Montalbano. Una lama di luce, così si intitola il libro edito da Sellerio, risulta fin dalle prime pagine molto interessante perché ci svela un Montalbano inedito… continua a leggere

Next Page »