domenica 18 agosto 2019

“Il confine”: l’ultimo capitolo della Trilogia del cartello di Don Winslow

“Il confine”: l’ultimo capitolo della Trilogia del cartello di Don Winslow

15 Luglio 2019 by · Commenta 

Ora Keller è di nuovo in guerra. Contro la propria gente: la Dea, il senato americano, i cartelli della droga messicani, persino il presidente degli Stati Uniti. E sono tutti la stessa cosa, la stessa entità. Ogni confine che pensava esistesse è stato superato.

Il confine”, l’ultimo romanzo di Don Winslow che ha come protagonista l’agente della Dea Art Keller, è stato recentemente pubblicato da Einaudi nella collana Stile Libero Big. Einaudi aveva già pubblicato “Il potere del cane” e “Il cartello”, i due titoli precedenti a “Il confine” che compongono quella che è stata chiamata “La trilogia del cartello”, trilogia che ha come protagonista l’agente della Dea per metà americano e per metà messicano.

Art Keller ha dedicato tutta la vita alla lotta del narcotraffico messicano, una vera e propria guerra, ma forse la sua più grande ossessione è stata sempre quella di vendicarsi di Adàn Barrera, «il signore dei cieli», il re del narcotraffico che ha brutalmente ucciso il suo collega Hernie Hidalgo.
Nella giungla del Guatemala Art Keller ha l’occasione di vendicarsi di Barrera durante un’operazione segreta, ma… continua a leggere

Sangue e neve

Sangue e neve

7 Aprile 2015 by · Commenta 

Dunque. Riassumendo, possiamo metterla così: non riesco a guidare piano, sono tenero come il burro, mi innamoro con troppa facilità, perdo la testa quando mi arrabbio e sono una frana in aritmetica. Ho letto un po’ di tutto, ma so poco o niente che mi potrebbe tornare utile. E scrivo più adagio di quanto cresca una stalattite.
Quindi cosa se ne fa uno come Daniel Hoffmann di uno come me?
La risposta, come probabilmente avrai capito, è: se ne serve come liquidatore.
Non devo guidare, uccido per lo più il genere di uomini che se lo merita e non devo fare calcoli complicati. Non avevo dovuto fino ad allora, almeno.

Il protagonista di Sangue e neve, il nuovo thriller di Jo Nesbø che esce oggi in contemporanea mondiale e che viene pubblicato in Italia da Einaudi, è un killer sui generis, un po’ troppo sentimentale, decisamente maldestro e irrimediabilmente distratto. Con un carattere del genere, Olav non è certo destinato a una brillante carriera tra le fila della malavita norvegese, ma lui in fondo non è un uomo dalle grandi ambizioni, e si accontenta di muoversi ai margini del mondo criminale di Oslo, svolgendo i lavoretti che gli vengono commissionati e accettando l’unico ruolo che sembra adatto per lui: quello di sicario, ultimo anello di una lunga catena di equilibri e giochi di potere di cui non sa e non vuole sapere nulla.
Un giorno, però, il boss della droga per cui lavora lo contatta personalmente, per affidargli un incarico diverso dal solito… Continua a leggere

Il serpente di Dio

Il serpente di Dio

21 Maggio 2014 by · Commenta 

«Andrej stava pensando che i ribelli potevano essere lì per una sola ragione. Suo padre gli aveva detto che durante la guerra giravano per i villaggi minacciando gli uomini per costringerli a combattere al loro fianco. Quando le persone finivano per unirsi a loro, quindi, non sempre si trattava di decisioni volontarie. Molti lo facevano perché la famiglia non subisse ritorsioni, per salvare i figli dalle vendette dei gruppi radicali islamici.
– Vogliono arruolare gli uomini del nostro villaggio. Lo faranno a forza. Minacceranno di ammazzare il bestiame, poi le famiglie. Bloccheranno le vie che portano al villaggio così nessuno potrà più entrare né uscire. Metteranno le mine nel bosco, ci terrorizzeranno finché non otterranno quello che vogliono.
Ismail abbassò lo sguardo: – Siamo dei vigliacchi, Andrej, due vigliacchi. Tremiamo come delle ragazzine…
– Abbiamo quattordici anni, siamo finiti contro un ribelle armato di Kalasnikov e non siamo morti. Per ora abbiamo fatto del nostro meglio.»

È un grande romanzo di amicizia, guerra e avventura Il serpente di Dio, ultimo lavoro di Nicolai Lilin appena pubblicato da Einaudi.
In queste pagine, l’autore di Educazione siberiana racconta una storia che assomiglia a una leggenda antica, che esce da un passato remoto per precipitare di colpo, senza possibilità di salvezza, in un presente che non perdona.
La vicenda è quella dell’amicizia che lega due ragazzi, Andrej e Ismail, nati e cresciuti insieme in un minuscolo villaggio sulle montagne del Caucaso… continua a leggere