lunedì 19 agosto 2019

“Ogni riferimento è puramente casuale”: sette racconti sarcastici sull’industria culturale di Antonio Manzini

“Ogni riferimento è puramente casuale”: sette racconti sarcastici sull’industria culturale di Antonio Manzini

8 Maggio 2019 by · Commenta 

Va un po’ lavorato? Dottor Mezzasoma, questo non sa scrivere in italiano! E lo sa cosa significa? Che dobbiamo dargli un ghostwriter e siccome i ghostwriter ne hanno le scatole piene per rimettere mano su libri del genere le chiederanno percentuali di vendita!

Ogni riferimento è puramente casuale” è la nuova raccolta di racconti per Sellerio di Antonio Manzini, scrittore di gialli celebre per aver inventato il fortunato personaggio Rocco Schiavone.
In questo caso però non ci troviamo davanti a una raccolta di racconti gialli, ma a racconti che mirano a svelare, con molta critica ed ironia, il dietro le quinte dell’ambiente letterario e editoriale, proseguendo così la tematica che lo scrittore aveva già affrontato nella sua novella satirica “Sull’orlo del precipizio”. Quello che Manzini tratteggia è infatti un ritratto dell’editoria impietoso…
continua a leggere

Recensione libro: “Follia maggiore” di Alessandro Robecchi

Recensione libro: “Follia maggiore” di Alessandro Robecchi

18 Gennaio 2018 by · Commenta 

Il signor Serrani li aveva studiati bene, al ristorante, li aveva guardati come un bravo artigiano guarda l’apprendista imbranato, con l’aria di uno che sa giudicare gli uomini. Che ne sapevano loro? Due giovanotti – oggi si è giovanotti a lungo – tutti intenti a macinare cose da fare, insomma quella fase della vita in cui un uomo non si occupa dei rimpianti perché è impegnato a fabbricarsi quelli futuri.

Alessandro Robecchi apre il 2018 con “Follia maggiore”, il nuovo romanzo pubblicato da Sellerio. Dopo aver partecipato alla realizzazione della recente antologia della casa editrice palermitana, “Un anno in giallo”, lo scrittore riprende la serie dedicata a Carlo Monterossi, un autore televisivo che ha dato vita alla trasmissione trash “Crazy Love”, abbandonata per imbastire un programma innovativo. Accanto a lui c’è il suo amico investigatore Oscar Falcone, che lo trascina alla ricerca di Umberto Serrani, un anziano signore che ha chiuso ormai da anni con la carriera di grande finanziere per clienti potenti e danarosi, e che ora vorrebbe coltivare le sue ossessioni in santa pace. Una mattina il signor Serrani legge della morte di una donna di mezza età, abbandonata su un marciapiede di Milano, e si ritrova di colpo catapultato indietro nel tempo. La vittima, infatti, è Giulia Zerbi, una traduttrice di 59 anni… continua a leggere

Recensione libro: “Un anno in giallo” di Sellerio Editore Palermo

Recensione libro: “Un anno in giallo” di Sellerio Editore Palermo

29 Novembre 2017 by · Commenta 

Fuori dall’albergo ci sono Marilù, Peppe Piccionello, i suoi cugini operai e altri che non conosco.
Scendo dall’auto con il sorriso ancora tirato.
«Che succede? Assemblea di fabbrica?» dico.
«Non sapete niente?» fa Piccionello.
«Cosa?» chiede Suleima.
«È scomparso un bambino».

Dodici protagonisti del noir per un eccezionale evento editoriale: un anno intero in compagnia dei detective di casa Sellerio per la prima volta insieme con dodici racconti inediti. “Un anno in giallo” costituisce una sorta di bilancio e insieme una prospettiva di un nuovo modo di fare letteratura poliziesca, mettendo al centro il protagonista e seguendone le stagioni della vita. Al suo interno questo libro raccoglie la firma di penne indimenticabili e di personaggi che hanno segnato la letteratura noir in Italia, uno per ogni mese dell’anno. Ad aprire le danze sono Camilleri e il suo commissario Montalbano, che intrattengono il lettore per il mese di gennaio. Seguono Saverio Lamanna, un giornalista licenziato e investigatore creato dall’ironia di Savatteri; Vince Corso, il biblioterapeuta di Fabio Stassi; i Vecchietti del BarLume, creati dall’umorista Malvaldi; i killer di Robecchi, cinici e sensibili; Hati Hirschel, spregiudicata turco-tedesca dilettante del delitto, frutto della scrittura di Aykol… continua a leggere

Recensione libro: “Un mese con Montalbano” di Andrea Camilleri

Recensione libro: “Un mese con Montalbano” di Andrea Camilleri

13 Novembre 2017 by · Commenta 

“E che minchia viene a significare?”.
“Mah, non lo so, oggi tutti parlano d’Europa… Magari un partito sovversivo europeo…”.
“Jacomù, ti sei cacato il cervello?”.
Ma che belle alzate d’ingegno che aveva Jacomuzzi! Montalbano riattaccò senza ringraziarlo. Una sigla. Che aveva voluto dire o indicare Calòrio? Forse qualcosa che riguardava il porto? Punto Ormeggio Est? Pontone Ormeggiato Esternamente? No, tirare a indovinare così era cosa che non aveva senso, quelle tre lettere potevano significare tutto e niente. In punto di morte però, per Calòrio, scrivere quella sigla sulla rena era stata la cosa più importante.

Sulla scia delle “Novelle per un anno” di Pirandello, “Un mese con Montalbano” è una raccolta di trenta racconti per accompagnare il lettore giorno per giorno. Nata dalla penna di Andrea Camilleri, si tratta di una serie dedicata al commissario più noto d’Italia, che lo vede impegnato a risolvere casi non solo fatti di sangue, ma anche di divertimento e amarezza, di sorprese incredibili e quotidianità. Trenta racconti che narrano trenta diverse situazioni e momenti di vita del commissario Montalbano, di un paese, di una realtà… continua a leggere

Storie dalla città eterna

Storie dalla città eterna

27 Novembre 2015 by · Commenta 

Il Pendolare osservò la fuga dei binari di fronte a loro e pensò che non esisteva un’immagine della solitudine più esatta di quell’orizzonte di cavi elettrici e terrapieni. Da un lato c’era il tempo che si vive, con tutte le sue effimere miserie e i rari colpi di fortuna, e dall’altro il tempo che si subisce come un furto. Per la prima volta, nel disordine che quel pomeriggio presagiva, provò un terrore primitivo non soltanto per la sorte che gli sarebbe toccata nelle prossime ore, ma più estesamente per quel futuro reiterato da scontare in luoghi come quelli, sempre in bilico tra ciò che si muove e ciò che resta fermo, lontano da sua moglie e dai suoi figli, lontano da tutti.

Sei bravissimi scrittori italiani, Calaciura, Di Gregorio, Manzini, Stassi, Tedoldi, Valerio, si cimentano in una raccolta di storie ambientate tra le strade e le maestose opere di Roma, nel nuovo libro uscito in questi giorni Storie dalla città eterna, edito Sellerio.
Sei differenti trame, sei diversi stili di scrittura. Ad aprire l’opera troviamo una favola contemporanea di Manzini…Continua a leggere

Argento vivo

Argento vivo

11 Ottobre 2013 by · Commenta 

«Con in mano il numero privato di Giacomo Mancini, Leonardo provò per un attimo la stessa sensazione che provava da ragazzino, quando andava a fregare i giornalini porno all’edicola della stazione dei pullman. Mani sudate, orecchie che fischiavano e una vaga impressione che la forza di gravità avesse deciso di lasciar perdere il resto del mondo e di concentrarsi su di lui.
Senti, non stai facendo niente di male a nessuno. Stai solo riconsegnando un computer. Avrai diritto a chiedere qualcosa in cambio.»

Argento vivo (Sellerio) di Marco Malvaldi, è un libro che si regge su una rete di intrecci, di incroci e di equivoci, e che scivola via con l’energia delle cose frizzanti e leggere, incapaci di restare ferme.
Protagonista del racconto è un romanzo in fieri, opera di uno scrittore in crisi di ispirazione, la cui unica copia è nascosta nell’hard disk di un computer che viene rubato.
A ritrovare il pc è un informatico svagato… Continua a leggere

Ferragosto in giallo

Ferragosto in giallo

3 Luglio 2013 by · Commenta 

«Prendere le ferie nel mese d’agosto mi è sempre parsa una decisione sbagliata. Potrei citare mille argomenti a sostegno di questa mia affermazione, e tutti suonerebbero altamente ragionevoli e comprensibili. […] Tuttavia se analizzo le mie ragioni più profonde, mi accorgo che per me il vero punto della questione è un pregiudizio puramente snob: trovo che andare in vacanza quando ci vanno tutti è di una cafoneria imperdonabile.»

Casa Sellerio quest’estate non va in ferie. E non ci andranno nemmeno Montalbano, Petra Delicado e Fermín Garzón, i vecchietti del BarLume, Eugenio Consonni, Rocco Schiavone e Baiamonte, tutti i protagonisti della casa editrice che son stati trattenuti in città nei giorni più afosi dell’anno dalle penne che li ha generati: Andrea CamilleriAlicia Giménez-BartlettMarco Malvaldi,  Francesco RecamiAntonio ManziniGian Mauro Costa. Dopo Un Natale in gialloCapodanno in gialloFerragosto in giallocontinua a leggere

Un covo di vipere

Un covo di vipere

29 Maggio 2013 by · Commenta 

«S’assittò supra allo scoglio chiatto e lassò che per ‘na decina di minuti il soli lo quadiasse. Po’ s’addrumò ‘na sicaretta. Voliva stari per qualichi minuto con la testa sgombra di pinseri.[…] Appresso si misi a tirari petruzze di ghiaietta dintra a ‘na pozza d’acqua tra dù scogli e a taliare i cerchi concentrici. Quindi si dissi che la pausa oramà era finuta e tornò con la menti all’ammazzatina del raggiuneri».

Andrea Camilleri ci trasporta, come sempre, nella sua amata Sicilia, torrida e omertosa, bella e spietata, nell’ultima indagine del commissario Montalbano: Un covo di vipere (Sellerio Editore Palermo). Questa volta non è Catarella a svegliarlo nel cuore della notte, ma un misterioso personaggio che trova rifugio dalla tempesta nella sua veranda: fischietta come un fringuello e parla un italiano perfetto. Ma non facciamo a tempo a conoscere nient’altro della sua storia perché… continua a leggere

Pista nera

Pista nera

31 Gennaio 2013 by · Commenta 

«Amedeo stava quasi per metterci gli scarponi sopra, quando finalmente la vide per quello che era: una chiazza di sangue rosso, amalgamato al manto candido della neve. Era enorme e a meno che non avesse investito un pollaio intero, per una sola bestia tutto quel sangue era esagerato. Aggirò la macchia fino ad arrivare al punto dove il rosso era più intenso, quasi lucido. Si abbassò, guardò meglio. E vide. Scappò di corsa, ma non riuscì a raggiungere il bosco. Vomitò direttamente sulla scorciatoia del Crest».

Semisepolto in mezzo a una pista sciistica sopra Champoluc, in Val d’Aosta, viene rinvenuto un cadavere. Sul corpo è passato un cingolato in uso per spianare la neve, smembrandolo e rendendolo irriconoscibile. Poche tracce lì intorno per il vicequestore Rocco Schiavone, protagonista del nuovo romanzo giallo di Antonio Manzini, Pista Nera (Sellerio Editore Palermo). Schiavone intuisce fin da subito che non si è trattato di un tragico incidente ma di un omicidio… continua a leggere

Consegna su richiesta

Consegna su richiesta

28 Gennaio 2013 by · Commenta 

«Questa è la storia dell’esperienza più intensa della mia vita. Qualcuno mi ha detto che non posso raccontarla adesso, che non potrò mai farlo. Io invece penso di poterla raccontare ora e credo anche di doverlo fare. […] Non solo perché mi è difficile tenerla più a lungo per me, ma anche perché lotta dentro di me per essere raccontata. Inoltre, se raccontandola potrò aiutare anche pochi altri americani a capire, allora avrò compiuto un dovere al quale non posso sottrarmi, nei confronti dei miei amici in Europa che non posso dimenticare».

L’autore di Consegna su richiesta. Marsiglia 1940-1941. Artisti, dissidenti ed ebrei in fuga dai nazisti (Sellerio editore Palermo) è Varian Fry, uno dei maggiori intellettuali del secolo scorso dediti alla lotta democratica contro il nazifascismo. Siamo nel pieno dell’occupazione tedesca e la Francia, che è stata la generosa ospite di tanti rifugiati politici da tutte le tirannie fin dai tempi della rivoluzione bolscevica, è ora sottomessa a una vergognosa complicità… continua a leggere

Next Page »