mercoledì 19 giugno 2019

“Dove un’ombra sconsolata mi cerca” di Andrea Molesini: un romanzo di formazione ambientato nella laguna veneta del ’43

“Dove un’ombra sconsolata mi cerca” di Andrea Molesini: un romanzo di formazione ambientato nella laguna veneta del ’43

17 Aprile 2019 by · Commenta 

Per mio padre il passato il presente e il futuro erano una cosa seria, per la mamma invece erano una sola polpetta, saporita magari, ma senza alcun senso, lei l’orologio non ce l’aveva, perché l’ora l’annusava, come ogni altra cosa.

Dove un’ombra sconsolata mi cerca” è il nuovo romanzo di Andrea Molesini per la collana “La Memoria” di Sellerio. L’autore veneziano, che nel 2011 si era aggiudicato il Campiello con “Non tutti i bastardi sono di Vienna”, torna su alcuni temi del primo romanzo – l’adolescenza, la guerra, la lealtà, il tradimento – riconfermandosi come una delle più sensibili e intense voci della nostra letteratura nazionale.

Guido non ha ancora compiuto tredici anni nel 1943. Sua madre è morta da poco e suo padre, “il comandante”, è ora a capo di…continua a leggere

Un romanzo di formazione squisitamente malinconico: “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro

Un romanzo di formazione squisitamente malinconico: “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro

3 Aprile 2019 by · Commenta 

Lì, in quel giardino, sull’isola di Sant’Erasmo, c’era tutto quel che la fantasia poteva creare: le rotaie della ferrovia di Anna Karenina, il plotone di esecuzione davanti ad Aureliano Buendía, la cameretta di zia Léonie a Cambray, il clown di IT, la Neva sulle cui rive cercare Nasten’ka, un antico monastero dove avvenivano morti inspiegabili, un ponte sopra un fiume dove due amici di nome Jules e Jim si erano innamorati della stessa ragazza.
Lì, sotto quella mimosa, accadeva ogni amore, pena, sorpresa, desiderio che le pagine potevano contenere, sprigionare.

È in libreria da qualche settimana “Le ultime lezioni” di Giovanni Montanaro, Feltrinelli. L’autore di “Tommaso sa le stelle” e “Guardami negli occhi” scrive un romanzo di formazione, dai toni delicati e leggermente malinconici, che coglie con acutezza le emozioni di quella fase della vita in cui ogni cosa è incerta e da scoprire.

Jacopo vive a Venezia, gioca a pallacanestro e ha due genitori che…continua a leggere

Libri da leggere: Diogo Mainardi – La caduta

Libri da leggere: Diogo Mainardi – La caduta

6 Agosto 2014 by · Commenta 

Diogo Mainardi è un giornalista, uno scrittore, una celebre voce della radio e della televisione brasiliana, e – più di tutto – è un esperto di cadute. Le cadute costituiscono da anni la sua vita, evitarle è diventato il suo mestiere a tempo pieno, risollevarsi “ridendo a crepapelle” e ripartire dopo averle affrontate è l’attività che, da anni, riempie ogni momento della sua esistenza dandole senso e sostanza, profondità e prospettiva, aprendo finestre altrimenti destinate a restare chiuse e inaugurando strade che rischiavano di restare inesplorate. Perché, dopotutto, «saper cadere ha molto più valore che saper camminare»
La vita di questo scrittore veneto-brasiliano pieno di sensibilità, acutezza e ironia, insomma, è un’ininterrotta catena di passi e di ruzzoloni, una catena complicata e meravigliosa che parte da un crollo e che porta lontano, passo dopo passo. Ed è proprio questo viaggio complesso e inaspettato, pieno di coincidenze e di rimandi a luoghi e tempi lontani, il centro dell’ultimo libro di Mainardi, recentemente pubblicato da Einaudi e intitolato – potrebbe essere altrimenti? – proprio La cadutacontinua a leggere